Obbligo di soggiorno nel comune di residenza per un licatese

Questo articolo è stato visto 981 volte.

In data odierna la Polizia di Stato ha dato esecuzione al decreto di applicazione della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza emesso il 20 novembre scorso dal Tribunale di Agrigento, a carico di A.S., trentatreenne, licatese, gravato da numerosi pregiudizi di polizia. L’emissione del decreto da parte dell’Autorità Giudiziaria è giunta in accoglimento di un’articolata proposta avanzata dal Questore di Agrigento nella quale veniva evidenziata l’attualità della pericolosità sociale del soggetto il quale nonostante fosse gravato dalla misura di prevenzione meno afflittiva dell’avviso orale irrogato dal Questore nel febbraio del 2016, non modificava il tenore dei comportamenti fino a quel momento tenuti, ma si rendeva autore di ulteriori episodi delittuosi per i quali veniva ripetutamente  denunciato in stato di libertà ed anche tratto in arresto dalla locale Arma. Ad avvalorare il prospetto accusatorio formulato nella proposta di applicazione della misura di prevenzione elaborata dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura, le numerose documentate frequentazioni del soggetto con pregiudicati ovvero con altri soggetti gravati da pregiudizi di polizia che ne provavano lo stabile e continuo inserimento del medesimo nel contesto criminale licatese.

Replica con un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*