“Vi cuntu na cosa” – “L’Amuri pi la nostra Terra”

Questo articolo è stato visto 322 volte.


treni a vapore2
08:00
– Oggi, Ninu Seviroli ni cunta, na cosa, videmu chì….!!!

“L’Amuri pi la nostra Terra”

Semu cotti di lu suli, semu fatti di sali, di Terra, di Suffaru, di Mari… Persequitati di lu tempu… sempri… di la malasorti. Semu siciliani, Genti ca cadi e si susi arrè… I Nanni, di li Nanni, di li Nostri Nanni, quannu la vita ci dava timbulati, quannu lu focu, certi volti, si mangiava, dru tecchia di fazzulettu di turrenu chinu di spichi, e li spichi eranu pani, e u pani era la supravivvenza, l’unicu sustintamentu pi la famiglia… dicivanu quasi suttavuci, cu dignità “U cani si ietta sempri pi lu strazzatu”… e pò lu tempu d’astutari lu focu, ca l’aviva abbrusciatu, di intra e di fora, suspirannu si stuiavanu li sudura, cacciavivanu assammaratu la frunti e la facci, riivanu l’occhi a lu cielu, e avivanu, la forza di diri: “Ogni mpidimentu veni, pi giuvamentu”…

Era la Terra di me Catanannu, di me Nannu, di me Patri, é la Me Terra… Dura, arsa di lu suli, addrumata di la Luna, ma è la me Terra, è Me Matri.

Quannu partivamu cu lu trenu e arrivavamu a Messina, a li traghetti, pi irininni a travagliari o Belgiu, a Germania, a Francia, a Svizzira, a l’Inghilterra, oppuru a lu Cuntunenti, ni pariva cent’anni, c’arrivavamu drabbanna a lu mari, ma quannu lu traghettu, lassava la Nostra Terra, ni viniva l’allammicu pinsannu a la Famiglia ca lassavamu, e già pinsavamu a turnari pi sentiri la botta ca faciva lu traghettu ogni vota quannu tuccavamu arrè “La Nostra Terra…”, e lu cori abballava e sbramava chiù forti  di la botta di lu traghettu, pi abbrazzari li Nostri Manni, li Nostri Cari… ca n’aspittavanu… davanti la porta di la Nostra Terra, “LA SICILIA“.

Comments are closed.