Agrigento, Comuni, Cronaca, Menfi, Porto Empedocle

Applicato l’obbligo di soggiorno ad un empedoclino ed un melfitano

Questo articolo è stato visto 109 volte.

Il Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione in data 23.01.2020 ha irrogato – su proposta del Questore di Agrigento – la misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza con Obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per la durata di anni due ad un empedoclino di anni 58.

Il Questore aveva segnalato la pericolosità sociale manifestata dal predetto, che in atto è sottoposto alla misura alternativa della Detenzione Domiciliare, con dispositivo braccialetto elettronico.

La proposta formulata dal Questore di Agrigento, tramite la Divisione Polizia Anticrimine, ha analizzato le numerose vicende processuali in cui era stato coinvolto il destinatario del provvedimento, che, da molti anni si era reso protagonista di atti persecutori e maltrattamenti in famiglia, nei confronti della coniuge e dopo della compagna, nonché abusi sessuali su una minore, nipote dell’ex compagna.

È stata pertanto applicata la nuova normativa del Codice Antimafia che in materia di misura di prevenzione prevede che anche per i reati di cui agli artt. 612 bis e 572 c.p., la proposta della sorveglianza speciale di P.S.

Inoltre è stata eseguita la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. con Obbligo di soggiorno della durata di anni due nei confronti di un Menfitano del 94, destinatario di condanne per stupefacenti e reati contro la persona. In atto ristretto presso la casa circondariale di Sciacca.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.