Comuni, Cronaca, Cultura & Spettacolo

Aragona: Celebrata la Liturgia in memoria Del Beato Gerardo. Santa Messa presieduta Dall’Arcivescovo Damiano

Questo articolo è stato visto 654 volte.

E’ stato ricordato con una santa Messa presso la Chiesa Madre di Aragona, giovedì 14 Ottobre scorso, il Beato Gerardo, fondatore dell’Ordine, ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi, di Malta. Alla cerimonia Liturgica erano presenti una delegazione della Sicilia Occidentale del Sovrano militare, presieduta da Vincenzo Calefati di Canalotti. A celebrare la Santa Messa l’arcivescovo di Agrigento, Alessandro Damiano. Presenti, le autorità civili e militari del territorio: il Sindaco di Aragona, Peppe Pendolino, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale ed il Luogotenente con cariche speciali, Paolino Scibetta, in rappresentanza della Locale Stazione dell’Arma dei Carabinieri.
Il Sovrano Ordine di Malta, ricordiamo, è una delle Istituzioni caritative più antiche del mondo. In Italia, le attività sono gestite da tre Gran Priorati e dall’Associazione Nazionale e vengono svolte attraverso le Delegazioni, il Corpo Militare e il CISOM.
L’Ordine di Malta è presente in modo permanente con progetti medici, sociali e umanitari nella maggior parte dei Paesi nel mondo.
In diversi paesi europei l’Ordine di Malta sviluppa progetti di assistenza legale, psicosociale oltre che medica ai migranti e richiedenti asilo. Inoltre, vengono offerti percorsi articolati per agevolare l’integrazione e la conoscenza della cultura e lingua locale.
Dal 2008 ad oggi, medici e soccorritori del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, imbarcati sulle navi italiane nel mar Mediterraneo, hanno assistito oltre 200mila migranti che tentavano la traversata via mare su barconi di fortuna. Si tratta di squadre sanitarie specializzate in medicina di urgenza.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.