Aragona, Comuni, Politica

Aragona il Consiglio comunale approva l’ipotesi di bilancio riequilibrato.

Questo articolo è stato visto 444 volte.

Il primo passo importante per l’uscita dal dissesto finanziario dell’Ente dichiarato nel 2018 é stato  fatto. Con 7 voti a favore (Volpe, Licata, Galluzzo Angelo, Gaziano, Maligno, Di Giacomo Pepe, Francesco Morreale), 3 contrari (Attardo, Farruggia, Calvagna) e un astenuto (Clemenza), il Consiglio comunale di Aragona presieduto da Gioacchino Volpe ha approvato l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato. L’importante strumento nei prossimi giorni sarà inviato al Ministero dell’Interno a Roma che ne dovrà approvare o meno la bontà ed eventualmente autorizzare la macchina amministrativa ad andare avanti per i successivi passaggi relativi all’approvazione del normale bilancio per l’uscita definitiva dal dissesto finanziario. “L’approvazione in Consiglio comunale del bilancio riequilibrato mette le basi per la rinascita del comune di Aragona” – dice il sindaco Peppe Pendolino – “sono stati tre anni di sacrifici, ma il lavoro svolto dai dipendenti dell’ufficio Ragioneria e la grande dedizione degli assessori che si sono succeduti Alfonso Galluzzo e Mariella Sardo ha consentito il raggiungimento di questo importante risultato”. Anche il presidente del Consiglio comunale ha espresso la sua soddisfazione. “Ringrazio i consiglieri comunali per il grande senso di responsabilità dimostrato votando favorevolmente il punto in oggetto” – dice Gioacchino Volpe – “portare avanti l’ipotesi di bilancio riequilibrato sancisce di fatto il primo passo per l’uscita da una delicata  situazione finanziaria dell’ente”. Nel corso del dibattito in aula alcune perplessità sono state espresse da consigliere Attardo in merito al mancato inserimento nel bilancio di alcuni pagamenti non ancora fatti e che successivamente potrebbero diventare dei debiti fuori bilancio.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.