Aragona, Comuni, Cronaca, Politica

Attardo. Scuola Scifo:” E’ un degrado assoluto”. Replica del Sindaco, Pendolino

Questo articolo è stato visto 682 volte.

Nota: Questo comunicato non è un articolo prodotto dalla Redazione di “TV SICILIA 24”, ma una nota stampa esterna di cui pubblichiamo integralmente.

“Dispiace constatare che, nonostante abbia sollecitato personalmente membri dell’Amministrazione comunale guidati dal sindaco pendolino ad interessarsi della problematica relativa alle erbacce cresciute sul tetto  della Scuola Elementare ( Plesso Scifo ), la situazione è addirittura peggiorata, non c’è stato fatto alcun intervento e il degrado regna sovrano ” dichiara il Capogruppo di “UNITI POSSIAMO”, Giuseppe Attardo.

 “Devo constatare anche che, nel passato, per situazioni decisamente meno gravi c’erano solerti rappresentanti dei genitori, insegnanti e forze politiche che amplificavano il problema e sollecitavano l’allora Sindaco ad intervenire. Oggi invece, nonostante la situazione sia drammaticamente peggiorata, nessuno di questi rappresentanti dei genitori e rappresentanti del plesso scolastico ha pubblicamente sollevato la questione. Ritengo quindi sia mio dovere di Consigliere Comunale e di Cittadino  portare a conoscenza dell’opinione pubblica questa situazione poco edificante, anche a livello igienico, al fine di stimolare l’Amministrazione comunale ad intervenire in maniera solerte per quanto di competenza .” conclude Attardo. “Mi auguro che finalmente qualcuno intervenga ed elimini il problema.


In merito alla nota stampa del Capogruppo di “UNITI POSSIAMO”, Giuseppe Attardo, ricevuta presso la Nostra Redazione di TV SICILIA 24″, riguardante il degrado della Scuola Elementare “Salvatore Scifo” di Aragona, abbiamo contattato il Sindaco, Giuseppe Pendolino che replica ed informa: “Che assolutamente l’Amministrazione, da lui presieduta, non è rimasta inerme dinanzi alla problematica, ma anzi, ha subito attivato l’ufficio competente, programmando il recupero dell’area, in prossimità dell’inizio dei cantieri di lavoro che a breve partiranno”.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Clicca per ingrandire