Aragona, Comuni, Cultura & Spettacolo

Conclusi i festeggiamenti in onore di San Vincenzo con la processione del simulacro, il concerto dei Matia Bazar ed i fuochi pirotecnici

Questo articolo è stato visto 735 volte.

Si sono conclusi ieri sera ad Aragona, i festeggiamenti in onore a San Vincenzo Ferreri. Iniziata nel pomeriggio con la Santa Messa in Piazza Umberto I, dove sorge la Chiesa della BMV Madonna del Rosario, e dove è custodito il simulacro del Santo. Una Santa Messa, presieduta dall’Arciprete di Aragona, Don Angelo Chillura, molto partecipata dal popolo aragonese, nonchè fedeli. A seguire la Processione del Santo, con i brani suonati dalla Banda Musicale “Vincenzo Bellini” di Aragona, attraversando le vie cittadine: Indipendenza, Naselli, Piazza Matrice, Calleia, Alberto Mario, Roma, Garibaldi, Vittorio Emanuele e facendo rientro in Piazza Umberto I, con la solenne benedizione. Alla Funzione religiosa erano presenti erano anche il Sindaco di Aragona, Giuseppe Pendolino; il Presidente del Consiglio, Stefania Di Giacomo Pepe; e l’Assessore, Renata Miccichè e Raimondo Chiara; gli agenti della Polizia Municipale ed il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Aragona.



A seguire, dopo i ringraziamenti dell’Amministrazione Comunale, che ha organizzato e finanziato gli spettacoli, è iniziato, il concerto dei “Matia Bazar” in Piazza Aldo Moro. Numerosi, aragonesi e persone della provincia di Agrigento, a gustare la buona musica e seguendo in coro la bellissima voce di Luna Dragonieri. Un concerto di circa due ore, con i migliori successi come: Brivido Caldo, Ti Sento, Dedicato A Te, Messaggio D’amore, Vacanze Romane, Cavallo Bianco, Piccoli Giganti, Grido D’amore, C’é Tutto Un Mondo Intorno, La Prima Stella Della Sera, Elettrochoc, Fantasia, Noi, Che Male Fa, Per Un’ora D’amore, Solo Tu, e tanti altri. L’evento è stato presentato da Rita Stagno e Maria Giuseppina Terrasi. Per concludere i Fuochi d’artificio in contrada Cirasa.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.