Agrigento, Montallegro

Controlli a tappeto in tutta la provincia per il contrasto dei furti d’acqua. Tre persone in manette.

Questo articolo è stato visto 167 volte.

Intensificate al massimo, nelle ultime ore, le verifiche dei militari dell’Arma in tutta la provincia, finalizzate a scovare furti d’acqua.

In varie località, sono stati infatti effettuati numerosi accessi ispettivi sia in abitazioni sia presso varie aziende agricole, per accertare eventuali irregolarità, controlli svolti anche con il proficuo contributo dei tecnici competenti. Ed i risultati non si sono fatti attendereLe verifiche, in gran parte, sono scattate a seguito di informazioni e segnalazioni raccolte dai Carabinieri sul territorio e dai cittadini.

In particolare, in prossimità del centro abitato di Licata (Ag), durante un controllo effettuato presso un esteso appezzamento di terreno agricolo, i Carabinieri hanno scoperto un grosso invaso idrico che in quel momento era alimentato con un tubo da cui sgorgava un potente getto d’acqua. Inizialmente, alla richiesta di spiegazioni avanzata dai Carabinieri, i due braccianti agricoli che gestiscono il terreno non hanno saputo fornire giustificazioni. A quel punto, i militari hanno effettuato un accurato controllo, a ritroso, della tubazione in questione, risalendo, dopo circa due chilometri, ad un pozzetto dell’acqua pubblica, accertando appunto che il prelievo fraudolento era avvenuto proprio dalla condotta pubblica. Terminati gli accertamenti, i Carabinieri hanno subito stretto le manette ai polsi dei due agricoltori, entrambi 40enni del luogo, con l’accusa di “Furto aggravato”, sequestrando la tubazione illecitamente utilizzata e l’intero invaso idrico contenente migliaia di litri d’acqua. I due agricoltori, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati trasferiti agli arresti domiciliari.

A Montallegro (Ag), invece, con la medesima accusa, sono scattate le manette ai polsi di un pensionato 70 enne, il quale, per rifornire gratuitamente di acqua la sua abitazione estiva, aveva realizzato artigianalmente un allaccio abusivo alla condotta dell’acqua pubblica, scoperto dai Carabinieri della locale Stazione. Anche per il 70 enne, l’Autorità Giudiziaria ha subito disposto che venga ristretto agli arresti domiciliari.

Tali controlli proseguiranno in modo costante, per tutta la stagione estiva, ad opera della rete capillare delle Stazioni dei Carabinieri, dislocate in ogni paese della provincia.    

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.