Canicattì, Cultura & Spettacolo, Province

Dacia Maraini alla Don Bosco di Canicattì: Un successo da ricordare

Questo articolo è stato visto 809 volte.

 

Penso che il paradiso sia leggere senza fine” diceva Virginia Wolf e ieri, al “Circolo Didattico Don Bosco” di Canicattì, si è toccato il cielo con un dito! Nessuno dei numerosi presenti potrà scordare facilmente una mattinata così intrisa di cultura e di profonde emozioni. La grande scrittrice Dacia Maraini, simbolo della letteratura italiana contemporanea, ha incontrato i piccoli della scuola a conclusione di un significativo progetto di educazione alla lettura portato avanti dagli alunni, relativamente al libro di narrativa “Onda Marina e Drago Spento”: ha parlato con loro, risposto alle loro sagaci domande, ha osservato e ammirato quanto gli alunni sono stati in grado di comunicare con performance artistiche, produzioni proprie, manufatti, liberi pensieri e spontanee riflessioni.

“Onda Marina e Drago Spento” è un libro pacifista, che ripudia l’odio e la violenza attraverso lo scambio epistolare dei due protagonisti che fuggono per non vivere in lotta spietata come i loro padri.

Un libro coraggioso, gradevole e di alto significato pedagogico che esalta la diversità come valore, l’amore oltre i pregiudizi, l’amicizia sincera senza condizioni, ma che affronta con delicatezza e incisività anche le tematiche cruciali del nostro tempo come il bullismo e la violenza di genere.

Particolarmente soddisfatta la dirigente, dott.ssa Giuseppina Cartella, che ha coordinato l’iniziativa con amore, attenzione e cura di ogni particolare.

L’evento si è svolto  alla presenza dell’assessore alla pubblica istruzione Angelo Cuva, dell’assessore per lo sviluppo territoriale Rosa Maria Corbo e del direttore della Demea eventi culturali, Antonio Oliveri, che ha collaborato all’organizzazione.

Splendida la scenografia di disegni, dipinti e dediche alla scrittrice, interamente realizzata dagli alunni della scuola.

Eccellenti le performance dei piccoli attori dell’istituto che hanno drammatizzato un brano del libro con notevoli doti interpretative, mettendo in scena il toccante incontro tra i due protagonisti, apparentemente così diversi, ma così uguali per principi e valori condivisi.

Sorprendente la trionfale marcia della majorettes d’istituto e la coreografia dedicata al potere educativo della lettura, capace di nutrire il pensiero e l’anima.

Collaborativi, competenti e degni di nota tutti gli insegnanti che hanno permesso agli alunni di far emergere la loro capacità di analisi, immedesimazione nei personaggi del libro, spirito critico e riflessione.

Piacevolmente sorpresa la scrittrice Dacia Maraini che ha intessuto un proficuo dialogo con i più piccoli, raccontando molto di sé in una condivisione particolarmente emozionante di ricordi e amichevoli confidenze.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*