Canicattì, Comuni, Cronaca

Denunciato canicattinese per delitto di simulazione di reato

Questo articolo è stato visto 74 volte.

A Canicattì, la Polizia di Stato denunciava in stato di libertà un trentenne canicattinese per il delitto di simulazione di reato. Tutto traeva origine da una precedente denuncia sporta dall’uomo per il furto, nella sua abitazione, di un telefono Iphone 11 pro max e di una console Playstation 4.

L’uomo, che aveva effettuato l’acquisto di tali apparecchi poco tempo prima, presso un noto centro commerciale agrigentino, aveva stipulato con  il centro vendita una finanziaria ed un’assicurazione che lo avrebbe risarcito in caso di eventi particolari e fra questi anche il furto.

Laboriose indagini degli uomini del Commissariato, per addivenire al ritrovamento di detto materiale, consentivano di accertare che il telefono risultava ancora attivo, anche dopo la denuncia sporta dall’uomo e che il traffico telefonico delle chiamate in entrata ed uscita riconduceva alla moglie  che aveva in uso l’apparecchio.

L’uomo, messo alle strette dagli agenti operanti, confessava di aver tentato di frodare l’assicurazione, simulando il furto presso la sua abitazione e cercando di rendere ancora più credibile l’episodio, aveva prodotto una fattura  di una ditta di serramenti per il cambio della serratura di casa.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.