Cronaca, Palermo

Droga e cellulari nel carcere dell’Ucciardone a Palermo: 5 arresti tra cui un agente di polizia penitenziaria

Questo articolo è stato visto 196 volte.

C’è anche un agente di polizia penitenziaria tra le cinque persone che sono state arrestate con le accuse, a vario titolo, di corruzione e commercio illecito di sostanze stupefacenti all’interno del carcere dell’Ucciardone di Palermo. Secondo quanto ricostruito, nel penitenziario entravano droga e mini telefonini. L’operazione, denominata ‘Mobile phones in cell’, è stata coordinata dalla Procura.

Secondo le indagini l’agente di polizia Penitenziaria, già sospeso dal servizio, avrebbe accettato somme di denaro per introdurre uno smartphone e due miniphone all’interno del carcere. I tre dispositivi erano destinati a uno dei detenuti, condannato con sentenza della Corte di Appello di Palermo per l’omicidio di Andrea Cusimano nel 2017. L’agente avrebbe ricevuto la somma di 500 euro dalla moglie del detenuto, avvalendosi della mediazione di un altro carcerato. La consegna dei telefonini al detenuto è stata sventata grazie all’intervento del servizio investigativo della polizia penitenziaria che ha sequestrato gli apparecchi.

Attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali sono stati acquisiti ulteriori elementi di prova relativi a un commercio illecito di sostanze stupefacenti. È stato, infatti, possibile documentare alcuni episodi in cui telefonini illecitamente introdotti in carcere sono stati utilizzati dai detenuti per la vendita di droga. Di uno di questi episodi si è reso responsabile un detenuto che ha trattato telefonicamente con un’altra persona, rinchiusa nel carcere di Augusta, la vendita a dei complici in libertà di una partita di circa cinque chili di droga.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.