Aragona, Comuni, Cronaca, Cultura & Spettacolo

Il Comune di Aragona aderisce alla “Giornata mondiale del prematuro”

Questo articolo è stato visto 63 volte.

Il Palazzo Principe si tinge di viola per festeggiare la forza dei neonati prematuri, in quanto il Comune di Aragona ha aderito per il secondo anno consecutivo alla Giornata Mondiale della Prematurità. La Giornata Mondiale della Prematurità viene celebrata a livello mondiale assieme ad EFCNI European Foundation for the Care of Newborn Infants. Il 17 Novembre è diventato uno degli appuntamenti più importanti per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle nascite premature.

Questa giornata, definita anche World Prematurity Dayistituita nel 2008, è stata in seguito riconosciuta dal Parlamento Europeo mediante l’impegno della “European Foundation for the Care of Newborn Infants” (EFCNI). Lo scopo di questa particolare celebrazione è sensibilizzare le persone sul tema dei neonati prematuri e aumentare la consapevolezza sulle sfide che devono affrontare questi piccoli guerrieri.

Il Reparto di Terapia Intensiva Neonatale del presidio ospedaliero “San Giovanni di Dio” di Agrigento, diretto dal Dottor Adriano Azzali, dà il suo quotidiano contributo nel curare i neonati prematuri che nascono nella nostra Provincia e non solo, per raggiungere i migliori risultati.

In occasione della Giornata mondiale della prematurità, l’Amministrazione Comunale di Aragona, presieduta dal Sindaco Giuseppe Pendolino, sosterrà l’iniziativa promossa dalla Società Italiana di Neonatologia, illuminando di viola il Palazzo Principe, per “accendere una luce” su questa importante tematica.

In quanto come dichiara il Sindaco Pendolino: << I neonati prematuri sono piccoli e fragili, sono bambini che cominciano la loro vita in salita perché hanno bisogno di maggiori cure, sostegno e attenzione>>.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.