Aragona: La casa di Babbo Natale IV edizione Piazza Umberto I°

Questo articolo è stato visto 157 volte.

Riapre le porte al pubblico per il quarto anno consecutivo la Casa di Babbo Natale del CAV di Aragona. Sabato 16 Dicembre a partire dalle ore 19:00 in Piazza Umberto I il “Babbo” più famoso al mondo accoglierà grandi e bambini nella sua umile dimora per dare il via ai festeggiamenti del Natale 2017.

L’evento promosso dai volontari del Centro Aiuto alla vita Giovanni Paolo II in collaborazione con il Volontariato Vincenziano e l’Associazione Dilettantistica Giovanni Paolo II, con il patrocinio del Comune di Aragona, e di tanti altri, i quali gli sponsor che hanno permesso la realizzazione materiale dell’evento, si inserisce in un percorso culturale e religioso che mette insieme diverse idee progettuali.

“La novità di quest’anno – spiega Anita Castellana presidente del CAV di Aragona-  è rappresentata dalla rete nata con il Volontariato Vincenziano, l’Associazione Dilettantistica Giovanni Paolo II e il CAV. Mettendo insieme le nostre idee e le nostre forze siamo riusciti a creare un percorso che parte il 16 Dicembre da Piazza Umberto I con la Casa di Babbo Natale e prosegue dal 25 Dicembre con il presepe Vivente, il presepe Biblico e il presepe Meccanico per arrivare in Chiesa Madre con il presepe del 1600. L’offerta per il pubblico è veramente significativa e cattura l’interesse di grandi e bambini. Ovviamente sarà Babbo Natale ad aprire i festeggiamenti, accogliendo richieste e abbracci dei più piccoli.”

La Casa di Babbo Natale rimarrà aperta al pubblico dal 16 al 26 dicembre e poi ancora il 30 dicembre e il I di gennaio.

L’ Associazione CAV ringrazia tutti gli sponsor e chi è stato parte attiva nella realizzazione anche quest’anno di questa meravigliosa manifestazione, tra tanti “Versaci” casalinghi, “Scalia forniture” ed il ristorante bar pizzeria “Lo Sperdicchio” per aver prestato i locali antistante la piazza Umberto I nei quali verrà arredata la Casa di Babbo Natale tra la gioia dei piccoli…ed anche dei tantissimi adulti; moltissimi dei quali vorranno partecipare alla manifestazione.

Ai più piccoli– continua la Castellana- raccomandiamo di non dimenticare la letterina dei desideri, ai più grandi chiediamo di aiutarci a far nascere insieme un nuovo sorriso, portando alimenti per la prima infanzia e pannolini.

La casa di Babbo Natale chiuderà i battenti tra dolci e carbone il prossimo 6 Gennaio con l’arrivo della Befana.

Replica con un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*