Agrigento, Calcio, Sport

La sezione arbitri di Agrigento ha 19 nuovi arbitri.

Questo articolo è stato visto 840 volte.

Da domenica scorsa la sezione AIA di Agrigento del presidente Gero Drago ha 19 nuovi giovani arbitri. A consacrare i nuovi fischietti della sezione agrigentina il presidente di commissione Antonino Ignazzitto, che ha esaminato, assieme agli altri componenti Gero Drago, Antonio La Lomia e Calogero Giardina, con domande di carattere e genere diverso, tutti i candidati la cui età media è di 16 anni. Tra in nuovi arbitri c’è la presenza del gentil sesso. A superare brillantemente l’esame l’aragonese Ilaria Butera, decisa ad intraprendere questo nuovo percorso nonostante le difficoltà che una donna potrà incontrare sui campi di calcio. A formare da più di due mesi i nuovi fischietti, oltre il presidente della sezione Drago, l’arbitro di serie D, Antonino Costanza, che è stato sicuramente un ottimo compagno di viaggio per gli aspiranti arbitro, che a breve esordiranno dirigendo gare di settore giovanile. << Anche gli arbitri come le squadre di calcio vivono di vivaio – dice il presidente Drago – per noi è una grande soddisfazione che 19 giovanissimi ragazzi, la cui età media è di 16 anni, entrano a fare parte della nostra famiglia e iniziano questo percorso di atleti, tecnici e soprattutto  di uomini perché noi ci teniamo a dire che formiamo uomini e diamo un grande apporto alla società in quanto tanti ragazzi occupano il tempo facendo sport in maniera sana e non lasciandosi andare per le strade >>. Questi i nuovi arbitri abilitati. Salvatore Agati, Giuseppe Asaro, Daniele Ballacchino, Emilio Borsellini, Ilaria Butera, Mattia Camilleri, Carmelo Caramazza, Vincenzo Gallè, Yari Lauria, Giuseppe Lauricella, Giovanni Lipani, Calogero Maggio, Michelangelo Monachello, Emanuele Nobile, Giuseppe Nocera, Gabriele Sutera Sardo, Carmelo Termini, Davide Trovato e Fabio Tuttolomondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.