Caltanissetta, Cronaca, Palermo, Province, Trapani

Nucleare: Identificate 4 aree potenzialmente idonee in Sicilia. Trapani, Palermo e Caltanissetta

Questo articolo è stato visto 1.177 volte.

Sono sette le regioni in cui sono state individuate le aree potenzialmente idonee alla costruzione del deposito nucleare nazionale. Sono Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia, Basilicata, Sardegna e Sicilia. In Sicilia sono state individuate quattro aree potenzialmente idonee per la costruzione del deposito nazionale nucleare. Si trovano nelle province di Trapani, Palermo e Caltanissetta. Nel dettaglio, i Comuni sono Trapani, Calatafimi-Segesta, Castellana Sicula, Petralia Sottana, Butera. Nella Tavola generale allegata alla Cnapi (Carta nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee alla localizzazione del Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi) sono indicati anche i Comuni interessati nelle sette regioni. Eccole:
  • PIEMONTE – 8 zone tra le province di Torino e Alessandria (Comuni di Caluso, Mazzè, Rondissone, Carmagnola, Alessandria, Quargento, Bosco Marengo e così via).
  • TOSCANA-LAZIO – 24 zone tra le province di Siena, Grosseto e Viterbo (Comuni di Pienza, Campagnatico, Ischia e Montalto di Castro, Canino, Tuscania, Tarquinia, Vignanello, Gallese, Corchiano)
  • BASILICATA-PUGLIA – 17 zone tra le province di Potenza, Matera, Bari, Taranto (comuni di Genzano, Irsina, Acerenza, Oppido Lucano, Gravina, Altamura, Matera, Laterza, Bernalda, Montalbano, Montescaglioso)
  • SARDEGNA – 14 aree tra le zone in provincia di Oristano (Siapiccia, Albagiara, Assolo, Usellus, Mogorella, Villa Sant’Antonio, Nuragus, Nurri, Genuri, Setzu, Turri, Pauli Arbarei, Ortacesus, Guasila, Segariu, Villamar, Gergei e altri)
  • SICILIA –  4 aree nelle province di Trapani, Palermo, Caltanissetta (Comuni di Trapani, Calatafimi, Segesta, Castellana, Petralia, Butera).

La mappa, aggiornata nel dettaglio, è riportata sul sito del Deposito nazionale (https://www.depositonazionale.it/). L’Italia deve riuscire, secondo programma, ad avviare il deposito entro il 2025.  Al momento stiamo pagando per smaltire parte dei nostri rifiuti nucelari in Gran Bretagna e Francia e ora, con il via libera del ministero dello Sviluppo economico e quello Ambientale, è ufficialmente ripartito l’iter per la consultazione pubblica che dopo la pubblicazione delle aree idonee porterà a un lungo percorso per l’individuazione di quella in cui verrà realizzato il deposito nazionale che inizialmente dovrà contenere 78 mila metri cubi di rifiuti a bassa e media intensità e successivamente anche 17 mila metri cubi ad alta attività (per un massimo di 50 anni). La spesa pervista per il Deposito, affiancato da un parco tecnologico, è di 900 milioni di euro.

Quella delle scorie nucleari è una questione che l’Italia si porta dietro dal lontano 1987, quando dopo l’esito del referendum lo Stivale ha chiuso i suoi quattro siti nucleari. Da allora, come ci ha chiesto a più riprese l’Europa, è stato necessario avviare l’istituzione di un deposito nazionale, come già realizzato in altri Paesi Ue, dove ospitare le scorie. Tra questioni politiche e continui rinvii l’elenco delle aree idonee per ospitare il deposito, che soddisfa i criteri di Ispra e i requisiti delle linee guida della Iaea  (International Atomic Energy Agency), è rimasto fermo per anni. Solo ora, dopo indagini e valutazioni di vario tipo, la Sogin ha potuto pubblicare l’elenco:  diffusa la carta ora ci sarà una consultazione pubblica e  partirà l’iter sino alle manifestazioni di interesse.
Nei sessanta giorni successivi alla pubblicazione (del 5 gennaio) parte infatti la consultazione pubblica con Regioni ed enti locali che faranno le loro osservazioni a Sogin. Servirà il consenso della comunità per poter poi proseguire e, una volta trovato l’accordo, saranno necessari almeno 4 anni per costruire il deposito e parco.

COSA OSPITERÀ’ IL DEPOSITO – Quello che verrà realizzato è un deposito, con parco tecnologico, su un’area di 150 ettari (110 deposito e 40 parco). Il deposito sarà a matrioska: all’interno di 90 costruzioni in calcestruzzo armato verranno collocati grandi contenitori in calcestruzzo speciale per contenere i rifiuti radioattivi. Questi rifiuti sono, tra l’altro, in buona parte provenienti dal mondo civile, industriale, della ricerca o medico ospedaliero, dato che si tratta per esempio di  sostanze radioattive usate per la diagnosi clinica, per le terapie anti tumorali e altre. In totale, si tratta di circa  95 mila metri cubi di rifiuti radioattivi.  Appurato che questo deposito, come da linee guida, dovrà essere realizzato in zone che soddisfino specifici criteri (scartate per esempio aree vulcaniche, sismiche, soggette a frane, inondazioni, sopra determinate latitudini o troppo vicine alla costa etc etc), attraverso speciali  barriere ingegneristiche il deposito dovrà garantire l’isolamento dei rifiuti radioattivi per più di 300 anni. Molto probabilmente, come già avvenuto in passato quando furono semplicemente ipotizzate alcune aree dove realizzarlo (ad esempio fu indicata la Sardegna), l’idea del deposito porterà polemiche e dibattiti a livello locale. Ora però non c’è davvero più tempo per rimandare la questione del nucleare: la  Sogin, società realizzata apposta per la questione nel 2001 e costata circa 300 milioni l’anno agli italiani,  da troppi è costretta a continuare a rinviare i suoi programmi su deposito e scorie, tanto che il decomissioning nucleare italiano è oggi progettato al 2036 (se ci riusciremo).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.