Agrigento, Comuni, Cronaca

Preso pusher gambiano che era sfuggito alla cattura durante la maxi-operazione antidroga “Piazza pulita”. Si era rifugiato Svizzera

Questo articolo è stato visto 121 volte.

Nelle ultime ore, i Carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento hanno catturato, di rientro dalla Svizzera, Singhateh Lamin, 22 enne, gambiano, residente a Palermo, ritenuto uno dei pusher appartenenti alla banda di spacciatori violenti smantellata ad Agrigento lo scorso mese di Aprile, con la maxi-operazione chiamata in codice “Piazza pulita”. Gli investigatori dell’Arma, sulle tracce del ricercato sin dal 23 Aprile, quando si era reso irreperibile subito dopo l’emissione di un provvedimento restrittivo, di fatto, non hanno mai mollato la presa, essendo a conoscenza che l’uomo si era probabilmente rifugiato in territorio elvetico. Da qui ne è nata una caccia all’uomo senza tregua, che ha fatto stringere il cerchio delle ricerche sempre più ed attivando i canali di cooperazione internazionale, i Carabinieri lo hanno sorpreso di rientro dalla Svizzera, precisamente all’aeroporto di Roma Fiumicino, dove gli hanno stretto le manette ai polsi, trasferendolo subito in carcere, dopo avergli notificato l’Ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P del Tribunale di Agrigento.

Le indagini sulla banda di spietati pusher, coordinate dalla Procura della Repubblica di Agrigento, avevano documentato l’esistenza di una violenta cellula straniera, dedita allo spaccio a cielo aperto nel pieno centro di Agrigento, con numerose cessioni di droga fatte anche a minori. Sei furono gli arresti il giorno del blitz, con l’accusa per tutti di “Detenzione e spaccio di droga”. Il dato inquietante che era emerso durante l’inchiesta, è che tra i 32 soggetti segnalati alla Prefettura per uso di sostanze stupefacenti, la gran parte era minorenne ed alcuni addirittura erano sedicenni. Inoltre, le telecamere dei Carabinieri avevano documentato momenti di brutale violenza, oltre ad una fiorente attività di spaccio davanti le scuole e vicino ai luoghi della movida. Infatti, in varie occasioni, erano stati filmati gli spacciatori mentre spaccavano bottiglie di vetro in testa ai giovani clienti. Durante il maxi blitz, un centinaio di Carabinieri, avvalendosi di unità cinofile, avevano setacciato minuziosamente alcuni immobili in stato di abbandono e rifugi di fortuna del centro storico di Agrigento ed in particolare di Piazzetta Ravanusella, all’interno dei quali spesso erano state nascoste le dosi di droga. Pochi giorni dopo l’operazione, gli immobili in questione sono stati messi in sicurezza dalla locale amministrazione comunale. Gli operai del comune, assistiti dai Carabinieri, hanno infatti bonificato le case disabitate che venivano utilizzate come “deposito” per occultare le dosi di droga, eliminando i potenziali nascondigli.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.