Comuni, Licata, Politica

Pullara: Il sindaco Galanti ci dica le idee per la città

Questo articolo è stato visto 60 volte.

Pullara: Il sindaco Galanti ci dica le idee per la città, non con un comunicato ma nel luogo preposto, il consiglio comunale che tutti per fortuna possono vedere.

Leggo ormai non più stupito un intervento di Galanti, oggi sindaco di Licata, che se non avessi imparato meglio a conoscere negli ultimi due anni mi stupirebbe non poco, ma onestamente ormai di lui non mi stupisce più nulla.
Sono le parole del deputato regionale l’On. Carmelo Pullara Presidente e segretario organizzativo del Movimento Popolare Regionalista “Onda”.
Una precisazione su tutto, – commenta Pullara – Galanti insieme al suo cerchio magico ha deciso nell’agosto del 2019 di tradire il mandato elettorale conferito appunto sulla base di un preciso progetto politico per procedere diversamente, oggi si scopre svendendosi a questo o a quel politico forestiero di turno. E poi Galanti, perché assurge a difensore del consiglio comunale ove è preposto un presidente, semmai pensi a difendere l’operato della sua giunta. Galanti, oggi sindaco di Licata, che si sente tale, perché piuttosto che chiedere che idee hanno gli altri per la città non dica le sue. In assenze di idee la conseguenza è logica.
Per inciso – spiega il deputato- le casse comunali hanno subito un grave danno anche dalla sua gestione: con la reintroduzione della dirigenza, l’esternalizzazione della gestione dei rifiuti senza la contemporanea raccolta differenziata, la non attuazione di una corretta metodologia per la riscossione dei tributi e dalle emersione del sommerso, cosa per le quali ho già chiesto una ispezione al competente assessorato alle autonomie locali, oggi retto dal suo compagno di partito, che qualora non dovesse essere disposta nell’immediato non esiterò a notiziare la competente Corte dei Conti.
Mi chiedo quindi – conclude Pullara – cosa ha da nascondere Galanti di ciò che avviene in consiglio comunale? Di cosa ha paura? Di cosa si vergogna? Su una cosa però sono d’accordo i consiglieri comunali non sono li per caso tra l’altro essendo stati votati da diversi concittadini e lui si è mai chiesto per merito di chi si trova li?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.