Calcio, Casteltermini, Raffadali, Sport

Il Raffadali non fa sconti, il Casteltermini, che meritava il pareggio, si arrende e vede più vicina la retrocessione. Nel finale le reti di Gennaro e Ciancimino.

Questo articolo è stato visto 1.171 volte.

 

Alla fine la spunta il Raffadali, ma quanta fatica per avere la meglio su un Casteltermini duro a morire e che ha venduto cara la pelle. Un risultato di parità non avrebbe fatto gridare allo scandalo, il 2-0 finale premia la caparbietà dei gialloverdi di cercare il successo ad ogni costo. Partiamo proprio dalla fine e raccontiamo i due gol che hanno deciso il derby. Al 87’ Silvio Gennaro sul corner battuto da Priolo anticipava tutti di testa e metteva alle spalle di Rizzuto, che dopo avere abbozzato l’uscita rimaneva a metà strada. Al 92’ la rete del 2-0 di Ciancimino con un perfetto calcio di punizione con la sfera che si insaccava alla destra di Rizzuto dopo avere superato la barriera. Prima dell’uno due vincente e solo in una occasione era stato bravo al 84’ Rizzuto ad alzare sopra la traversa una conclusione ravvicinata di Gennaro. Il Casteltermini, che non si è mai scoperto e ha sofferto poco il Raffadali, ha provato a pungere con il solito Vaccaro, espulso al 68’ per doppia ammonizione, e con Agozzino. << A questo punto e alla luce della sconfitta della Libertas siamo a 8 punti dai racalmutesi – dice il vice presidente Fiorillo – in queste ultime due partite il nostro obiettivo è di arrivare a +10 dai racalmutesi così da di disputare direttamente la finale play off >>.

Raffadali: Tilaro 6, Gennaro 6,5, Puleo 5,5, Priolo 6, Falcone 6, Ciancimino 6,5, Montana 5,5 (48’ Vitrano 5,5), Mulè 6,5 (76’ Campione 6), Spina 6, Lodato 5,5, Piazza 6. All. Girolamo Ciancimino.

Casteltermini: Rizzuto 6, Saieva 5,5 (90’Saccà), Fanale 5,5, Salemi 6,5, Casalicchio 6,5, Tilaro 7, Magno 5 (58’ Alonge 6), Diallo 7, Cacciatore 6, Vaccaro 6, Agozzino 5,5. All. Mauro Miccichè.

Arbitro: Di Venti di Enna 6, assistenti Rizzo e Fazzi della stessa sezione.

Reti: 87’ Gennaro, 92’ Ciancimino.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*