Comuni, Cronaca, Politica, Siculiana

Siculiana, Vita Mazza: Sgomento per quanto accaduto a Villa Sikania, auspico l’intervento del Ministro dell’Interno

Questo articolo è stato visto 323 volte.

Il capogruppo dell’opposizione al Consiglio comunale di Siculiana e candidata sindaco, l’avvocato Vita Mazza, dopo avere appreso la notizia che ieri sera un uomo dello Stato, a servizio dello Stato, è stato aggredito da un migrante durante l’ennesima fuga dal centro di accoglienza di Villa Sikania, dichiara: “Mi lascia sgomenta quanto accaduto nel mio paese. Ribadisco con convinta fermezza che la politica europea scellerata e fallimentare sui flussi migratori sta mettendo a serio rischio non soltanto le comunità ove insistono i centri d’accoglienza ma anche, e soprattutto, le forze dell’ordine impegnate ogni giorno a garantire la sicurezza dei cittadini.
Ma dopo questo ennesimo episodio di guerriglia urbana che vede coinvolti i migranti ospiti dei centri di accoglienza, mi chiedo: CHI TUTELA I CITTADINI E I NOSTRI POLIZIOTTI DALLE CONTINUE RIVOLTE DEI MIGRANTI CHE ANCORA UNA VOLTA SI MANIFESTANO INSOFFERENTI ALLE LEGGI DELLO STATO CHE LI OSPITA ? Tutto ciò ha profondamente toccato la nostra piccola comunità.
Non è pensabile continuare a mantenere queste strutture in pieno centro abitato; strutture che non soltanto annichiliscono un territorio che da sempre mira ad un serio sviluppo turistico, ma che generano un allarme sociale ormai difficilmente contenibile.
Le istituzioni, a tutti i livelli, non possono limitarsi a tranquillizzare i cittadini, ma devono immediatamente agire attraverso UNA SERIA RIVISITAZIONE DELLA POLITICA SULL’IMMIGRAZIONE CHE GARANTISCA LA SICUREZZA DI TUTTI , SOPRATTUTTO IN PIENA EMERGENZA SANITARIA.
Auspico che il Ministro dell’Interno appresti seri provvedimenti per la nostra e per tutte le piccole comunità che vivono da vicino il dramma e la paura per il contagio da Covid -19, visto anche il numero elevato di migranti affetti da Covid19  presenti  sulla nave MobyZaza’ ormeggiata a Porto Empedocle”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.