Aragona, Comuni, Cronaca, VIDEO

Strage di Altavilla: “aveva paura del marito”. Il fratello di Antonella Salamone in lacrime in tv

Questo articolo è stato visto 786 volte.

“Dentro mia moglie e i miei due figli si nascondeva il demonio, per questo li ho uccisi, era l’unica cosa da fare”. Lo avrebbe detto appena bloccato dai carabinieri Giovanni Barreca, muratore di 54 anni, che ieri notte ha confessato di aver ucciso la moglie Antonella Salamone e i figli Kevin di 16 anni ed Emanuel di appena 5 nella loro villetta di Altavilla Milicia, un comune della provincia di Palermo. Barreca ha massacrato la moglie, le ha dato fuoco e l’ha fatta a pezzi, prima di nasconderla sotto un cumulo di terra nel giardino della casa di via Regia Trazzera Marina di Granatelli. I carabinieri stanno valutando la complicità nella strage di una coppia di conoscenti residenti nel capoluogo della Sicilia.

E’ a parlare, nel programma di Canale 5, “Pomeriggio5”, condotto da Myrta Merlin, è Calogero Salamone, il fratello di Antonella: “Mia sorella era una vittima di quelle persone che aveva conosciuto, continuavano a dirle che i demoni erano dentro mia sorella e mio nipote. Praticamente dovevano essere bruciati e sepolti questi demoni, noi pensavamo in modo figurato. Noi cercavamo in tutti i modi di farle capire di dover mandare via queste persone, lei voleva mandarli via ma quelli che li teneva in casa era il marito. Loro si sono infilati in casa, hanno detto che dovevano dormire lì per togliere gli spiriti da casa. Queste cose non rientrano in quello che Dio dice o fa fare. Mia sorella”spiega ancora l’uomo, che poi non trattiene le lacrime“non ci diceva tutto, ma quando parlava con mia moglie diceva – Adesso devo chiudere perché è arrivato Giovanni. – Tutte le volte che c’era Giovanni non poteva parlare, era impaurita, lui era un uomo che non sapeva realizzare nulla, qualsiasi cosa che faceva era un fallimento. Gli ho sempre detto di lasciarlo a mia sorella”. 



“L’ultima volta l’ho sentita tre settimane fa. Diceva sempre che stavano bene”. –  aggiunge, Calogero Salamone, nell’intervista nel programma “ORE 14”, in onda su Rai 2 nella puntata del 13 Febbraio scorso. –  “Ci raccontava della sua vita buona ed è per tale motivo che non ci insospettivamo di nulla. Mi diceva vieni giù che abbiamo le galline, l’orto, Giovanni lavora, io lavoro in comune… Invece era tutt’altro. É come se mia sorella mi volesse da loro per essere aiutata. Magari non poteva parlare liberamente. Mi colpevolizzo di non aver capito. In questi giorni stiamo cercando di collegare tutte le cose che c’erano. Ci sono tante cose che ci fanno pensare che Giovanni Barreca già si premeditava da tanto”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.