Aragona, Calcio, Sport

U.S. Aragona il mito del calcio aragonese, i ricordi di una passione

Questo articolo è stato visto 1.597 volte.

In un periodo dove manca la domenica del calcio dilettantistico, la mente si immerge nei ricordi, nei bei ricordi del calcio aragonese. Era il lontano 1966 quando gente stimabile come Totò Russo (a lui è intitolato lo stadio), Giovanni Collura, Pietro Rizzo, Pippo Miccichè, Filippo Gandolfo e Gaetano Collura, presso il Circolo Empedocle, diedero vita alla mitica della U.S. Aragona. Un storia lunga oltre 50 anni partita dai campionati Juniores e poi i campionati di Terza categoria con allenatore Filippo Graceffa  e il primo allenatore “straniero”, l’agrigentino il prof. Vincenzo Tedesco. L’elenco dei calciatori che hanno vestito la gloriosa maglia bianco azzurra è infinito. Oggi vista la foto che abbiamo recuperato grazie all’amico Pietro Pantalena ci soffermiamo sulla squadra che nella stagione 1979/80 approdò per la prima volta nella storia al campionato di Prima categoria, paragonato ad oggi una Eccellenza a vincere. Presidente Fofò Carrubba, allenatore Armando Carta, a fare sempre da pilastro Calò Castellana che di giovani talenti ne ha scoperti tanti togliendoli dai quartieri e portandoli al campo. I portieroni aragonesi Dino Panzera e Lillo Amorelli e il terzo Totò Profetto. I difensori Giovanni Bellanca, Ciccio Buscemi, Andrea Inchiostro, Peppe Farruggia e poi i centrocampisti, Gerino Vella, Nino Cacciatore, Munnino Calleja e Saro Scichilone. Gli unici “forestieri” erano i castelterminesi Riccioli e Romeo, Ciccio Castaldo e Totò Impiduglia. L’anno prima Luigi Di Benedetto venne ceduto all’Akragas tra i professionisti. Aragona, a quei tempi, sfornava calciatori ogni anno ed erano la base degli anni futuri. Di quella magnifica squadra facevano parte infatti i giovanissimi Peppe Marrella, Giovanni Iannuzzo e Gerlando Chiarelli. Erano veramente anni belli dove si giocava per difendere i colori del paese con entusiasmo alle stelle tanto da coinvolgere anche l’amministrazione comunale sempre pronta a dare il suo contributo. La foto nel giorno dei festeggiamenti della storica promozione in Prima categoria è un cimelio che rimarrà nella mente e nei ricordi degli aragonesi. Basta guardala per riconoscere chi ha fatto la storia in quegli anni della U.S. Aragona. Piace ricordare tutti coloro che ci hanno lasciato a partire da sinistra in piedi. Il grande e umile zio Giugiù Collura, Fofò Morreale, Pippo Miccichè, L’allenatore Armando Carta, Luigi Terrana, Nino Passarello, Fofò Carrubba, Rosario Clemenza, Vitale Mula. In basso a sinistra Raimondo Calleja e a destra Lorenzo Attardo e Vitale Mula. Questo è solo un assaggio di quello che è il mito dell’Aragona perché di protagonisti c’è ne sono tanti altri e per raccontarli tutti ci sarà bisogno di un libro su cui ho iniziato a lavorare perché in fin dei conti è una storia che (mi) e appartiene a tutti gli aragonesi. Colgo l’occasione per invitare tutti coloro che conservano foto storiche dell’Aragona a inviarle all’indirizzo mail tvsicilia24@libero.it questo perché potrò dimenticare qualcuno, certamente senza volerlo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.