Catania, Coronavirus (COVID-19), Cronaca

Usura ed estorsione a ristoratore in crisi: un arresto a Catania della Guardia di Finanza

Questo articolo è stato visto 238 volte.

A Catania, la Guardia di Finanza ha arrestato un uomo di 56 anni, F.C. con l’accusa di usura ed estorsione ai danni di un imprenditore in difficoltà economica. Secondo quanto ricostruito, l’uomo ha prestato soldi con un tasso d’interesse superiore al 120% l’anno. È stato bloccato dai militari del Gico del nucleo di Polizia economica finanziaria delle Fiamme gialle dopo aver ricevuto i soldi di una ‘rata’ dalla vittima, un ristoratore in difficoltà economiche anche per l’emergenza Covid-19. Quest’ultimo ha ricevuto in più rate un prestito di 19mila euro.

Nell’abitazione del 56enne gli investigatori hanno sequestrato circa cinquemila euro in contanti, 10 assegni per complessivi 60mila euro, smartphone e documenti utili a ricostruire la sua ‘contabilità in nero’. L’uomo è indagato dalla procura di Catania anche per estorsione con l’accusa di aver minacciato di gravissime ritorsioni l’imprenditore e i suoi familiari nel caso in cui la vittima non avesse fatto fronte al debito contratto, facendo anche riferimento al possibile intervento di soggetti inseriti in contesti criminali. L’arresto è stato convalidato dal Gip che ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare in carcere.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.