Cronaca, Palermo

Mafia: on line gli atti del maxiprocesso di Palermo

Questo articolo è stato visto 124 volte.

Il maxiprocesso a Cosa nostra come patrimonio nazionale, bene comune messo a disposizione dei cittadini che vogliano conoscere un pezzo fondamentale della storia italiana. E’ il senso del progetto che prevede la digitalizzazione degli atti del maxiprocesso e di una serie di processi che hanno segnato la storia della lotta alla mafia, ideato dalla Fondazione Falcone in partnership con il Tribunale di Palermo e l’Università del capoluogo siciliano. Lo scopo è preservare e mettere in rete, affinché sia facilmente consultabile, l’enorme mole di atti del procedimento “Abbate Giovanni +474”, più noto come maxiprocesso, istruito dal pool antimafia dell’ufficio istruzione di Palermo di cui facevano parte Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Leonardo Guarnotta e Giuseppe Di Lello.
    La digitalizzazione riguarderà anche gli atti istruttori di processi storicamente connessi come i cosiddetti maxi bis, ter e quater e quelli per gli omicidi dLa Torre, Mattarella e Reina.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.