Aragona, Comuni, Cronaca, Politica

Emergenza al Cimitero di Aragona: il Gruppo Uniti Possiamo dice No alla requisizione dei Loculi

Questo articolo è stato visto 819 volte.

Nota: Questo comunicato non è un articolo prodotto dalla Redazione di “TV SICILIA 24”, ma una nota stampa esterna di cui pubblichiamo integralmente.

I Consiglieri Comunali Attardo e Clemenza scrivono  al Presidente e al Sindaco Pendolino , e ribadendo il suo NO alla requisizione dei loculi. Per la emergenza sepolture presso il Cimitero di Aragona, ci sono altre soluzioni alternative.

I Consiglieri comunali, scrivono al Presidente del Consiglio e al Sindaco Pendolino, a proposito delle tante requisizioni di luculi che tanti Aragonesi si vedono notificare . : No a illegittime requisizioni di loculi del cimitero”.

I consiglieri Attardo e Clemenza  già in passato, sollecitati da cittadini, si erano interessati alla vicenda, ma come tante altre segnalazioni vengono sempre omesse.

Il fermo dissenso, per una nuova reiterazione dell’ordinanza, che, già con decreto del 04-04-2011-lo stesso Presidente della  Repubblica,  Giorgio Napolitano, sentito il parere n.5109 /2010 del Consiglio di Stato, aveva provveduto ad accogliere per un ricorrente, vittima dell’ordinanza de quo.

Nel decreto, tra l’altro, viene sconfessato l’operato del Sindaco, che a sua volta si è avvalso del d.lgs 267/200, il quale gli consente nella sua veste di ufficiale di governo di adottare provvedimenti contingibili e urgenti al fine di prevenire e eliminare gravi pericoli che minacciano la incolumità pubblica e la sicurezza urbana.

A tale proposito si ribadisce: “Oggi come prima, non esistono i motivi addotti nelle Ordinanze di requisizione, pertanto  invitiamo i responsabili del servizio  a studiare altre soluzioni alternative possibili, Evitando di togliere la serenità a chi si vede notificare l’atto di requisizione del loculo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.