Agrigento, Campobello di Licata, Canicattì, Categorie, Comuni, Cronaca, Ravanusa

Agrigento: La banda dell’Est, stroncata dai poliziotti di Agrigento ed Enna.

Questo articolo è stato visto 816 volte.

La banda dell’Est, stroncata dai poliziotti di Agrigento ed Enna, con il supporto degli investigatori del reparto prevenzione crimine della Sicilia. Sono 6 romeni ladri di rame, con le manette ai polsi, e accompagnati dagli agenti di polizia al carcere Petrusa di Agrigento. Fanno parte di un’organizzazione criminale che avrebbe imperversato nella zona tra Campobello di Licata e Ravanusa. Avrebbero tagliato e rubato migliaia di metri di cavi elettrici, mettendo in ginocchio decine di aziende nelle ultime settimane. Il blitz e’ scattato all’alba di ieri. Ed emergono altri importanti particolari dopo l’arresto dei sei romeni. Tra Campobello di Licata e Ravanusa, i poliziotti hanno intercettato 2 automobili con a bordo 7 uomini tutti di nazionalita’ romena. Alla vista delle volanti, i conducenti delle vetture avrebbero pigiato sull’acceleratore per fuggire. Si e’ scatenato l’inseguimento tra le strade di campagna, durato circa 20 minuti. I romeni avrebbero poi trovato rifugio in un casolare in contrada Fondachello a Campobello di Licata. I poliziotti, armi in pugno, sono riusciti a stanarli. Un romeno pero’ e’ riuscito a fuggire ed e’ ancora ricercato dalle forze dell’ordine. All’interno di una delle 2 automobili sono stati scoperti e sequestrati 700 chili di cave di rame, verosimilmente appena rubati. Per questo motivo, al momento, i 6 romeni non rispondono di furto ma solamente di ricettazione aggravata. Soddisfatto dell’operazione il dirigente della squadra mobile di Agrigento, Corrado Empoli.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.