Calcio, Sport

Akragas, un punto col Martina Franca: Di Piazza replica a Taurino

Questo articolo è stato visto 572 volte.

akragas-catanzaroL’Akragas di Pino Rigoli agguanta nel finale un importante pari all’Esseneto contro il Martina Franca. Succede tutto nella ripresa: vantaggio ospite con un gran gol di Taurino e pari dal dischetto del solito Di Piazza. Agrigentini che muovono la classifica e si preparano a un rush al cardiopalma.

LA GARA – Rigoli recupera Dyulgerov e Zibert,  ritrova Capuano, Muscat e Madonia e rilancia Vono in porta. Difesa a quattro completata da Grea e Marino, a centrocampo avanza Salandria. In attacco, oltre all’ex Trapani, il bomber Di Piazza e il baby gioiello Di Grazia. Franceschini costretto a rinunciare al miglior marcatore del Martina Franca, Baclet, oltre a Ciotola, Schetter e allo squalificato D’Alterio.

Akragas subito in pressione e pericolosa già al 3’ con un colpo di testa di Marino su angolo battuto da Di Grazia, palla di poco alta. Ospiti che, tuttavia, non si mostrano intimoriti e costruiscono una buona occasione all’8’: Dianda si gira in area in mezzo a tre uomini ma conclude debolmente. Il Gigante soffre nelle prime fasi e rischia tanto al 20’: Antonazzo brucia Capuano sulla destra e cerca al centro Diakite, provvidenziale l’anticipo di Marino a negare il vantaggio pugliese. Pochi minuti più tardi ancora in evidenza il numero 9 del Martina: incornata che si spegne sulla parte superiore della traversa.

Un’Akragas contratta e senza grandi idee lascia l’iniziativa agli uomini di Franceschini, che tengono in mano le redini del gioco ma rischiano su un filtrante di Dyulgerov che pesca Madonia, murato al momento del tocco in mezzo per Di Piazza. I due si cercano ancora al 42’, il centravanti biancoazzurro viene però fermato dal guardalinee dopo aver depositato in rete.

Ripresa che si apre nuovamente col Martina Franca in avanti: sinistro a giro di Antonazzo di un soffio sul fondo. Sul capovolgimento di fronte Di Piazza sfugge alla retroguardia avversaria ma il suo tiro viene stoppato da Migliaccio. Marino ci prova due volte su punizione, centrando prima la barriera e poi trovando la porta di esterno destro, Viotti controlla in sicurezza. Gara equilibrata e bloccata, le due squadre si annullano a vicenda e non riescono a superarsi, pur creando occasioni. Tanto agonismo, ma anche tanti errori in fase di impostazione. Serve uno spunto o una giocata di classe; a trovarla è Taurino per gli ospiti al 63’, doppio passo al limite dell’area e destro a incrociare che non lascia scampo a Vono e impreziosisce la prestazione di uno dei migliori fra i pugliesi.

Incassato lo svantaggio, Rigoli corre ai ripari e inserisce un quarto attaccante, Cristaldi, per Zibert, varando un modulo super offensivo. Fuori anche un Madonia in ombra, sostituito da Leonetti. All’82’ arriva il pareggio del Gigante: Di Piazza scarta Viotti e cade in area toccato leggermente da un avversario, l’arbitro Sassoli decreta un rigore dubbio; dal dischetto lo stesso attaccante biancoazzurro realizza, toccando quota 12 reti in campionato. L’Akragas riesce ad artigliare nel finale un pari prezioso dopo una partita non certo entusiasmante e prova a vincere nel recupero: grande occasione su un batti e ribatti in area pugliese, con Viotti che para un tiro ravvicinato di Leonetti e respinge gli assalti akragantini. I biancoazzurri muovono ancora la loro classifica salendo a 36 punti. Ora due trasferte quasi proibitive a Lecce e a Foggia, il derby col Messina e gli ultimi due scontri con Melfi e Benevento: un finale di stagione al cardiopalma e un vantaggio sulla zona playout da difendere col coltello tra i denti.

TABELLINO

AKRAGAS: Vono, Grea, Capuano, Salandria (66’ Mauri), Muscat, Marino, Dyulgerov, Zibert (73’ Cristaldi), Di Piazza, Di Grazia, Madonia (78’ Leonetti).
A disposizione: Maurantonio, De Rossi, Greco, Candiano, Leonetti, Aloi, Mauri, Thiago Cazè, Fiore, Cristaldi, Lo Monaco.
Allenatore: Pino Rigoli

MARTINA FRANCA: Viotti, Allegra (78’ Marchetti), Basso, Di Lauri (86’ Cristofari), D’Orsi, Migliaccio, Antonazzo (88’ Berardino), Rajcic, Diakite, Dianda, Taurino.
A disposizione: Gabrieli, Curcio, Marchetti, Danese, De Lucia, Cristofari, Topo, Berardino, Kuseta, Simone.
Allenatore: Daniele Franceschini

ARBITRO: Federico Sassoli di Arezzo

ASSISTENTI: Lombardi di Brescia e Iovine di Napoli

AMMONITI: 45’ Zibert (Akr), 54’ D’Orsi (Mar), 68’ Capuano (Akr), 71’ Di Lauri (Mar), 81′ Viotti (Mar), 87’ Leonetti (Akr)

ESPULSI: –

RETI: 63′ Taurino (Mar), 82′ Di Piazza (Akr)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.