Comuni, Menfi, Politica

Alluvione Menfi, il deputato Pullara alla Regione: “Subito interventi, non si può più attendere”

Questo articolo è stato visto 296 volte.

Nota: Questo comunicato non è un articolo prodotto dalla Redazione di “TV SICILIA 24”, ma una nota stampa esterna di cui pubblichiamo integralmente.


“La violenta alluvione del novembre scorso che ha colpito il territorio di Menfi ha causato notevoli danni ad abitazioni private, ai fondi agricoli, alla viabilità e al costone della borgata di Porto Palo”. – Il deputato regionale della Lega, Carmelo Pullara, ha presentato una interrogazione al presidente della Regione siciliana e all’assessore al territorio e ambiente per chiedere chiarimenti urgenti in merito alle azioni straordinarie adottate per la messa in sicurezza della borgata.“Il Comune di Menfi”si legge nella interrogazione “ha tempestivamente inviato, agli organi competenti, una dettagliata relazione dei danni accertati, chiedendo che venisse dichiarato lo stato di calamità. La borgata di Porto Palo ha subito un grave cedimento riversando grandi quantità di terreno e roccia a valle e sono moltissime le abitazioni private ed edifici commerciali dichiarati inagibili. Nonostante diversi sopralluoghi da parte degli Enti competenti (Protezione Civile – Genio Civile ed altri), a distanza di oltre 3 mesi dagli eventi calamitosi nessun impegno concreto è stato ottenuto” – tuona Pullara – “e con l’approssimarsi della stagione estiva, i lavori di messa in sicurezza della borgata di Porto Palo non sono più rinviabili.” Il deputato regionale della Lega aggiunge: “Non è mia intenzione mancare di rispetto al presidente del consiglio comunale, ai consiglieri, al sindaco ed alla giunta di Menfi non partecipando alla seduta dell’assise convocata, proprio per discutere sull’argomento, per il 18 febbraio alle 17 ma , al fine di evitare che le parole facciano dimenticare i fatti ai quali il governo e suoi enti strumentali devono dare risposte concrete, preferisco avanzare interrogazione scritta urgente per sapere cosa si è fatto e cosa si farà in tempi brevi”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.