Agrigento, Comuni, Cronaca, Province

Ama la tua Città prende posizione per le ultime notizie apprese dai giornali locali

Questo articolo è stato visto 778 volte.

09:31 – Ama la tua Città prende posizione per le ultime notizie apprese dai giornali locali, per quando riguarda la situazione disastrosa dell’emergenza rifiuti della provincia Agrigento. Il movimento critica fortemente la gestione dell’emergenza rifiuti, e’ da tempo infatti che la ditta Catanzaro a fatto presente ai vari comuni della provincia che la discarica di Siculiana si stava saturando.

Le istituzioni invece di prendere provvedimenti immediati hanno aspettato l’ultimo momento e cioè, che la ditta Catanzaro comunicasse la sospensione  del servizio a partire dal 27.11.2007, di conseguenza il Commissario del Comune di Agrigento in primis ha emesso un’ordinanza di divieto a conferire rifiuti solidi  a partire da 27.11.2014 fino al 1 dicembre 2014, e a catena tutti gli i restanti comuni della provincia, e come se fosse una novità prendono provvedimenti che di certo non sono lungi dal risolvere il vero problema, lasciandoci per non si sa quanto tempo ad aspettare che la Regione Siciliana  possa individuare una discarica autorizzata dove poter inviare i rifiuti solidi urbani.

Il Movimento Ama la tua Città critica fortemente, l’operato di chi era in dovere di prevenire e non addivenire ad un’emergenza di tale entità, era dovuta l’allerta a tempo debito da parte della Regione Sicilia e di chi governa nei vari comuni, così da evitare l’emergenza attuale e non esporre le Città a rischi sanitari e a scenari indecorosi.

Il Movimento è vicino alle esigenze dei Cittadini, sta  studiato un piano rifiuti con personale qualificato  che sarà parte del programma di Ama la tua Città. Per adesso ci limitiamo a mettere a disposizione della Città un consiglio come quello attuale: ci risulta che il Comune di Naro è possessore di molti ettari di terreni confiscati alla mafia, tra Naro e Canicattì che tra l’altro si trovano fuori il centro abitato e sembrerebbe che alcuni di essi, hanno buone caratteristiche per essere utilizzati come discariche e senza arrecare danno alla popolazione di quei territori. Ci chiediamo altresì quanto tempo ancora resteremo vittime della gestione privata delle discariche quando nella nostra Provincia alcuni Comuni consorziandosi potrebbero farsi autorizzare una discarica del consorzio Comuni (quindi pubblica) con abbattimento dei costi per la collettività, oltre al fatto che ancora nella nostra provincia di Agrigento non parte  la differenziata porta a porta come hanno già adottato tante altre, riconoscendo qualche piccolo sforzo di singoli comuni. Su questa vicenda noi del Movimento Ama la tua Città abbiamo soluzioni che presto renderemo pubbliche che fanno parte del nostro programma.

Vorrà dire che il fenomeno randagismo nella nostra provincia non patirà crisi ne fame.

LA REDAZIONE

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.