Aragona, Comuni, Cultura & Spettacolo, VIDEO

Aragona: Inaugurata la Mostra “La Settimana Santa Aragonese: tra storia, fede e tradizioni”

Questo articolo è stato visto 397 volte.

E’ stata inaugurata ieri sera, davanti al sacrato della Chiesa Beata Maria Vergine del Carmelo, alla presenza dell’Arciprete di Aragona, Don Angelo Chillura, il Vice Sindaco di Aragona, Franco Virone, l’Assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo, Maria Grazia Licata, il Presidente del Consiglio Comunale, Gioacchino Volpe, il Presidente dell’Associazione Settimana Santa Aragonese, Franco Rizzo e gli ideatori del progetto il Gruppo “I Picciotti di Raona antica”, composto da Carmelo Sciortino, Gerlando Moscato, Mattia Sciabica, Alfonso Giovanni Contrino, Vincenzo Baiardo, Simone Pietro Costanza, Salvatore Di Giacomo e Salvatore Pantalena.

Come nasce la Mostra “La Settimana Santa Aragonese: “tra storia, fede e tradizioni”?

Ad avere l’idea di una mostra durante i festeggiamenti religiosi della Settimana Santa Aragonese, sono stati: Carmelo Sciortino, Gerlando Moscato, Mattia Sciabica, Alfonso Giovanni Contrino, Vincenzo Baiardo, Simone Pietro Costanza, Salvatore Di Giacomo e Salvatore Pantalena, che formando un gruppo dal nome “I Picciotti di Raona antica”, hanno deciso di riunirsi nella via dei Santi, cominciando a studiare, la creazione di un opera illustre come tanto sentita nei cuori degli abitanti aragonesi (Raunisi).
Il tema della mostra tratta di una rivisitazione epica del luogo più importante sia di aspetto storico che religioso. Questa inedita mostra a tema pasquale vuol far rivivere la Passione del Cristo e farla assaporare mischiando arte, cultura e storia, di un popolo pieno di tradizioni e bellezze artistiche.

La mostra verrà esposta durante tutta la settimana nei locali della Chiesa Beata Maria Vergine del Carmelo, dall’ 8 Aprile al 25 Aprile da 10:00 alle 12:00 e dalle 16:00 alle 21:00.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.