Agrigento, Comuni, Cronaca

Corposa trance di stabilizzazioni all’Azienda sanitaria Provinciale di Agrigento.

Questo articolo è stato visto 135 volte.

Più di trenta professionisti escono dal precariato. Ulteriori provvedimenti in arrivo



Un festoso viavai di medici, psicologi, tecnici e altre figure sanitarie è quello che, questa mattina, si è registrato presso la sede legale dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. I professionisti sono stati convocati presso la Cittadella della salute del viale della Vittoria per sottoscrivere il contratto di lavoro a tempo indeterminato e realizzare quello che, a detta di molti, può considerarsi un traguardo storico. Una nuova ondata di stabilizzazioni, deliberata con una serie di provvedimenti dalla Direzione strategica dell’Asp, ha reso infatti possibile l’assunzione a tempo indeterminato di 33 dipendenti di vari profili sanitari che con la firma dei contratti odierna, alla presenza del commissario straordinario Mario Zappia e del direttore amministrativo Alessandro Mazzara, escono di fatto dal precariato.

Per ciò che riguarda il personale medico, si tratta di 2 dirigenti medici in otorinolaringoiatria, 1 in ginecologia ed ostetricia, 2 in igiene epidemiologia e sanità pubblica, 2 in direzione medica di presidio ospedaliero, 1 in cure palliative, 1 in medicina fisica e riabilitazione, 1 in radiodiagnostica e 1 in oftalmologia. Ad implementare la procedura di reclutamento odierna, prevista dal comma 268 dell’articolo 1 comma  della legge 234 del 2021 e s.m.i., anche 12 psicologi, 3 farmacisti, 2 ostetriche, 3 tecnici sanitari di radiologia medica, 1 tecnico della psicomotricità dell’età evolutiva ed 1 dietista. La nuova, massiccia assunzione a tempo indeterminato è destinata a non fermarsi visto che, nelle prossime settimane, ulteriori stabilizzazioni saranno portate a compimento per diverse altre figure professionali.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.