Altri Sport, Caltanissetta, Ciclismo, Sport

FCI Sicilia: 34 allievi concludono la prima fase del Corso per Maestro Istruttore di I Livello

Questo articolo è stato visto 274 volte.

Si è concluso a Caltanissetta il Corso di Formazione di Maestro Istruttore di Primo Livello organizzato dalla Federazione Ciclismo Italiana Regione Sicilia in sinergia con il Settore Studi Nazionale.
Sono 34 le “nuove leve” che hanno accettato la sfida di prendersi cura dei giovani allievi e di insegnare loro tecnica e tenacia necessarie ad andare sempre oltre i propri limiti.
Vincere contro sé stessi è il primo degli obiettivi che deve comprendere ciascun atleta che si iscrive a una competizione.
Hanno frequentato il corso superando la prima fase:
BRUCCOLERI AMEDEO, BRUCCOLERI NICOLA, BRUNO ANTONINO, CALABRESE DIMITRI, CARRASI PAOLO, CIANCIMINO EMANUELE, CILIBERTO GIUSEPPE, D’ANCA ANTONIO, DI ROSA CELESTINA, GELSOMINO, ANTONINO GIUSEPPE, GIGLIONE GIUSEPPE, GUASTELLA MARCELLO, IMMORMINO LUCA, KLIMAKOV SERGII, LA MANNA DANIELE, LEONE MARCO, LONGO SALVATORE, MAGANUCO MASSIMILIANO, MELILLI LAURA, MICCICHE’ GIUSEPPE, MIRABILE ALESSIO, MURRONE ANDREA, PAPPALARDO GIOVANNI, PLATANIA SALVATORE, RAGUSA LAURA, RIGGI MICHELE, SCALA MARIA, STRACQUADANIO IVANA, TRUPIA VALERIA, VECCHIOTTI GIUSEPPE, VETRI CARMELO, VICARI DOMENICO SAVIO SALVATORE, VITA GERLANDO e VITANZA GIUSEPPE.
“L’abbondante percentuale di donne e di giovani iscritti a questo corso dimostra il buon lavoro che sta portando avanti il comitato siciliano” ha commentato la vicepresidente nazionale Daniela Isetti. Questi due indicatori, per la rappresentante nazionale, rappresentano un termometro dello stato di salute della FCI regionale. “Durante la mia visita ho riscontrato nei corsisti un forte interesse a interpretare l’attività giovanile come un’attività ludica e formativa su tutti i livelli. Il maestro istruttore, infatti. non deve soltanto fare formazione al ciclismo ma educare i giovani per trasformarli diventare uomini e donne migliori. Un obiettivo che si raggiunge insegnando il rispetto delle regole e la determinazione necessaria ad affrontare le situazioni nel modo corretto”.
Molto soddisfatto tutto lo staff tecnico che ha curato l’organizzazione del corso sviluppato nell’arco di tre settimane. A questo primo momento formativo, svolto in aula ma anche in pista e in palestra, seguirà una fase di tirocinio e, in ultimo, gli esami abilitanti che consentiranno di conseguire il titolo.
“La formazione era uno dei punti cardine del nostro programma e stiamo rispettando il nostro iniziale impegno – ha commentato il Presidente della Federazione Ciclistica Italiana Regione Sicilia Diego Guardì -. Insegnare il corretto approccio verso i giovani rappresenta il presupposto per tutte le attività future. Investire sulla formazione dei tecnici equivale investire su tutti gli atleti siciliani. Voglio ringraziare anche tutti i docenti e istruttori che si sono impegnati durante queste tre settimane di formazione. Si tratta di: Emilio Infantino, Danilo Di Bella, Rosario Di Paola, Nello Gangemi e Gerlando Scrofani”.
“Cercheremo di offrire una formazione basilare ai 34 allievi che hanno scelto di intraprendere questo percorso – ha sottolineato il coordinatore regionale e direttore del corso Nunzio Valuri -. Quella che noi rilasceremo, al termine del percorso e in linea con le direttive del Settore Studi nazionale, è un’abilitazione ufficiale riconosciuta dalla FCI e dal CONI”.
“Con questo corso cerchiamo di formare persone che sappiano non soltanto preparare atleticamente i bambini ma diventare un punto di riferimento per chi si approccia a questo sport – ha concluso il vicepresidente FCI Sicilia e responsabile del corso Calogero Rivituso -. Non contano le medaglie vinte dall’atleta ma la passione che dimostra chiunque si metta in sella a una bicicletta. Chi lo comprende è già un vincitore morale”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.