Cronaca, Palermo, Province

Finestrini spaccati – la Uil Polizia: Non solo furti, fenomeno in aumento

Questo articolo è stato visto 66 volte.

L’ultimo caso stanotte nella zona di via Fiume: un’automobile danneggiata per un piccolo furto come successo appena pochi giorni addietro anche in via Pavia, via Roma e via Torino. Il fenomeno però ha assunto connotati diversi.

Ormai da alcuni mesi si registrano danneggiamenti alle automobili senza che venga rubato nulla. Un fenomeno che riguarda anche altre provincie siciliane”. Lo ha detto Giovanni Assenzio, segretario provinciale Uil Polizia Palermo dopo gli ennesimi episodi di microcriminalità. Secondo la Uil Polizia da un lato si richiama la disperazione di chi alla ricerca anche di pochi spiccioli per una dose di crack, ma non è sempre così. Non è stato toccato nulla, ad esempio, lo scorso febbraio nel corso dei danneggiamenti alle automobili in via Nicolò Garzilli così come in via Veneto e nei pressi del molo trapezoidale. Lo stesso centro storico, affetto dal fenomeno della “mala-movida”, non è esente dai danneggiamenti non seguiti da furti. Non lo sono tutti, ad esempio, quelli occorsi fin dallo scorso gennaio in via Santa Rita, tra via Sant’Agostino e piazza Sant’Onofrio e in altre aree dove sono stati rinvenuti finanche vetri rotti da lanci di pietre.

Per far fronte a questo nuovo tipo di criminalità molto più spicciola di quella del passato e per questo ancor più difficile da individuare” – ha aggiunto Assenzio – “occorrerebbe un urgente aumento di organico delle forze di polizia che però non sembra ancora essere divenuto una priorità”.

Nelle lamentele apparse sui quotidiani, hanno fatto capolino pure le critiche di cittadini alle recenti promesse del ministro Piantedosi espresse proprio a Palermo ma anche il rischio paventato dal parroco di una delle chiese dell’Albergheria, che la situazione possa sfuggire di mano. “Speriamo – ha concluso Assenzio – che non si arrivi mai a questo punto, ma è indubbio il fatto che ci troviamo innanzi a un nuovo fenomeno che richiede interventi urgenti”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.