Agrigento, Comuni, Politica, Province

Fontana: la risoluzione in commissione lavoro un buon viatico per gli sportellisti

Questo articolo è stato visto 591 volte.

07:00 – L’on. Vincenzo Fontana del Ncd esprime cauto ottimismo dopo l’approvazione della risoluzione sulla vertenza sportelli multifunzionali approvata in commissione lavoro.

In un momento di difficoltà e di legittima preoccupazione per i tanti lavoratori coinvolti e da parecchi giorni in sit.in, oggi in commissione abbiamo aperto un viatico.

I lavoratori degli sportelli multifunzionali torneranno a lavorare.

Abbiamo dato un messaggio politico al governo di come tracciare una linea per il futuro di questa platea di operatori che hanno dignità e professionalità consolidate.

Nell’attesa della riforma dei servizi per l’impiego che segue anche delle dinamiche nazionali, si è chiarito che saranno utilizzati attraverso la nuova programmazione comunitaria 2014/2020 questi soggetti.

E’ chiaro che ad oggi non possiamo parlare di una stabilizzazione totale ma si sono create le condizioni per un impegno vincolante al Governo per potersi attenere tramite questa risoluzione a un percorso di ritorno alla serenità per i lavoratori e le loro famiglie.

Abbiamo imposto a qualsiasi soggetto che si accrediterà nelle nascenti agenzie per il lavoro una clausola sociale, e cioè di attingere per il reclutamento del personale dall’albo ad esaurimento, anzi abbiamo sanato pure gli 88 operatori post.2008 con contratto a tempo indeterminato.

Adesso dopo la fase di traghettamento per sei mesi al Ciapi di Priolo con il progetto Garanzia Giovani e di accelerare la fase di progettualità e programmazione del nuovo Fse che potrebbe dare continuità lavorativa per un sesennio.

Nelle more tra i lavoratori che andranno in pensione e altre forme di accompagnamento previste nel Piano Giovani si potrà smaltire la platea.

Noi come Ncd continueremo a vigilare sulla tutela dei posti di lavoro e di un impegno che sia accelerato da parte del governo per dare ristoro, certezze e dignità a lavoratori che hanno sofferto finora troppo.

 La Redazione

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.