Agrigento, Comuni, Cronaca

Franco Gangemi eletto segretario generale dello Spi – Ggil della provincia di Agrigento

Questo articolo è stato visto 180 volte.

Il Segretario Generale Regionale dello SPI MAURIZIO CALA’ ed il Segretario Generale Confederale della CGIL agrigentina ALFONSO BUSCEMI  hanno apprezzato il rigoroso rispetto delle regole che hanno portato Enzo Baldanza alle dimissioni  e la passione con cui si è impegnato nella direzione politica ed organizzativa dello SPI.

Hanno, poi, motivato la proposta di eleggere  Franco Gangemi  nuovo Segretario Generale in ragione sia del consenso registrato nel corso di una preventiva consultazione di alcune leghe ed alcuni/e componenti l’Assemblea, sia per la esperienza del dirigente.

Franco Gangemi è, infatti, un dirigente di lungo corso, avendo diretto le lavoratrici ed i lavoratori della formazione professionale, del settore commerciale e dei servizi, dei metalmeccanici, del comparto energia, acqua e chimico minerario ed, infine, per avere svolto il compito di Segretario Confederale Organizzativo della CGIL.

La votazione ha registrato su 51 votanti: 47 si, 3no, 1 astenuto.

 

Subito dopo, i componenti la Segreteria uscente e cioè Caterina Santamaria, Ornella Vicari e Paolo Galione, hanno rassegnato pubblicamente le proprie dimissioni, offrendo così al neo eletto Segretario la libertà di valutare e decidere sulla proposta, che farà all’Assemblea, a breve, per il completamento della stessa.

Maurizio Calà ed Alfonso Buscemi nei loro interventi hanno messo a fuoco gli impegni e gli appuntamenti che l’agenda SPI e quella CGIL si sono dati per i presenti e prossimi tempi, a cominciare dalla raccolta delle firme a sostegno della piattaforma dei pensionati e della manifestazione nazionale unitaria di venerdì 16 novembre a Roma.

 Da parte di tutti un GRAZIE ad Enzo Baldanza ed un AUGURIO di buon lavoro a Franco Gangemi.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.