Aragona, Cronaca

Il giorno seguente la tragedia “(IN)EVITABILE” alle Maccalube di Aragona

Questo articolo è stato visto 1.058 volte.

11.47 – “Dobbiamo coordinarci con gli investigatori e la magistratura”, sono state queste le parole del sindaco di aragona Salvatore Parello, in seguito all’apertura dell’inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Agrigento, il giorno seguente la tragedia che ha colpito i piccoli Laura (7 anni) e Carmelo Mulone (9 anni), rimasti vittime nell’esplosione della collinetta di fango ed argilla spinti da una forza soprannaturale di gas proveniente dal sottosuolo (che fino ad ora in condizioni ordinarie ha reso caratteristico l’evento in piccola scala) ma che ieri si è scatenato in un evento cui hanno perso la vita i due piccoli mentre si trovavano in compagnia del padre Rosario (46 anni) unico superstite, rimasto suo malgrado intrappolato nella fanghiglia senza poter riuscire,in un primo momento, a liberarsi per portare in salvo i suoi due figli. Al momento il padre rimane ricoverato presso l’ospedale in forte stato di shock assistito da psicologi della struttura.

Ripercorriamo con un video riassuntivo in seguito il ritrovamento della piccola Laura, le lunghe ricerche del piccolo Carmelo che si sono prolungate fin dopo il tramonto.

Rimane acceso il rimpalzo di responsabilità tra Legambiente e Regione Sicilia, su chi abbia più responsabilità in merito la disgrazia, ed ovviamente c’è da chiedersi anche se e come poteva essere evitata. Ovviamente dovrebbe essere il buonsenso in ognuno di noi  e negli enti pubblici e privati che si dovrebbero occupare del funzionamento e mantenimento (anche in sicurezza) di luoghi turistici così affollati, a stabilire come e quando attivarsi in tempo e non solo dopo che siano accadute tragedie simili.

Il Sindaco Parello ha dichiarato anche il lutto cittadino per il giorno dei funerali che ipoteticamente si pensa possano essere martedi 30 settembre. Ovviamente la nostra redazione vi terrà informati su eventuali risvolti.

Servizio e riprese a cura di:

Vincenzo Baiardo

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.