Comuni, Cultura & Spettacolo, Grotte

Il 5 Aprile a Grotte si conclude il ciclo dei film dal titolo “Il cinema di Gian Paolo Cugno”.

Questo articolo è stato visto 146 volte.

Venerdì 5  Aprile alle ore 20 presso l’ auditorium “San Nicola” in Grotte , si conclude il ciclo di film dal titolo “Il cinema di Gian Paolo Cugno”, organizzato dell’ associazione culturale Nino Martoglio. L’ iniziativa, ideata e diretta da Aristotele Cuffaro ha previsto la proiezione di due film del regista cinematografico e sceneggiatore siciliano. Gian Paolo Cugno, dopo gli studi superiori si trasferisce a Roma. Qui segue un lungo apprendistato come assistente alla regia e assistente al montaggio, collaborando anche alla realizzazione di sceneggiature per il cinema. Realizza vari documentari e cortometraggi, partecipando a festival in Italia e all’estero. Dal 2001 al 2002 è co-ideatore e co-curatore del Festival del Cinema di Frontiera in Sicilia. Nel 2003 il cortometraggio Il volto di mia madre viene presentato alla Cinémathèque française e successivamente al Festival di Taormina. Nel 2006 la sua sceneggiatura Salvatore – Questa è la vita diventa il suo primo lungometraggio, prodotto e distribuito dalla Walt Disney Company. Presentato alla Festa del Cinema di Roma, vince la Farfalla d’oro Agis. Cugno vince inoltre il Globo d’oro come regista rivelazione e il Biglietto d’oro per l’incasso nelle sale italiane. Nel 2008 scrive e dirige La bella società, suo secondo film, prodotto e distribuito da Medusa Film – Mediaset. Nel 2015 scrive e dirige il film I cantastorie, distribuito nel 2016.

La trama del film che sarà proiettato parla di un brutto momento per Angelo, padre di Maria Teresa e marito di Anna. Ex uomo d’affari di successo della capitale, è ormai sul lastrico, costretto a lavorare come manovale alle dipendenze di un suo ex opeario. Come se non bastasse, l’uomo si vede anche abbandonato dalla moglie, evidentemente poco disposta a condividere il talamo con un fallito.

La figlia Maria Teresa però, decide di restare col padre, di cui intuisce le difficoltà e il dramma personale di un uomo che vede sgretolarsi tra le mani il lavoro e i traguardi di un’intera vita. Deciso a ritrovare sé stesso, Angelo decide di tornare nella natia Sicilia, da cui manca da tanti anni, per riscoprire le sue radici,  e per cercare oltre a sé stesso, anche una seconda possibilità.

Il tutto sfocerà nella riscoperta della gloriosa tradizione dei cantastorie itineranti; nata come risorsa di vita per Angelo e Maria Teresa, si tramuterà in un’occasione di riscatto e di crescita, più per l’adulto che per una figlia piena di inventiva e di quell’incoscienza che caratterizza i primi anni di vita.

Nei giorni scorsi il  22 marzo era stato proiettato, il film “Salvatore questa è la vita”, mentre il 29 Marzo, “La bella società”. Tra i grottesi, c’è molta attesa è la presenza del regista Gian Paolo Cugno, il quale parteciperà al dibattito sui contenuti dei film trasmessi.

La Manifestazione è realizzata con il Patrocinio del comune di Grotte – Assessorato alla Cultura, Dalla FIDAPA sezione Racalmuto, dall’ Istituto comprensivo Angelo Roncalli e dalla Pro-loco Hebessus.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.