Agrigento, Comuni, Cronaca

Il Cartello Sociale ha incontrato i vertici di AICA e ATI

Questo articolo è stato visto 117 volte.

Ieri 2 agosto 2022, nella ricorrenza del primo compleanno di AICA, i componenti del Cartello Sociale della provincia di Agrigento hanno incontrato i vertici della Consortile e di ATI per un confronto a tutto campo sugli aspetti gestionali della società che gestisce il servizio idrico integrato nell’agrigentino. In un clima molto disteso sono stati toccati diversi punti, con il conforto della dirigenza di AICA a partire dagli aspetti finanziari ed economici senza trascurare le prospettive del rifacimento di alcune importanti reti da cui dipendono risparmi considerevoli che incidono sui costi di funzionamento e di conseguenza sulle bollette. Il presidente del CDA ha informato i componenti del Cartello Sociale che poche ore prima l’assemblea dei sindaci, in rappresentanza dei 3/4 del capitale sociale, aveva approvato all’unanimità il bilancio che non si è chiuso in positivo soltanto a causa dell’aumento dei costi dell’energia. I componenti del Cartello Sociale hanno invitato gli interlocutori a continuare sulla strada del risanamento e hanno inviato il menegement di AICA a utilizzare meglio la comunicazione per rendere edotti gli utenti e tutti gli stakeolders dei risultati della gestione e degli interventi svolti per migliorare il servizio.
In vista di un prossimo incontro subito dopo ferragosto, i componenti del Cartello Sociale hanno sollecitato AICA ha procedere senza indugio sulla strada di azzerare la percentuale dei morosi a partire dalle pubbliche amministrazioni perché, hanno ribadito, non si può essere inflessibili con i cittadini e tolleranti con chi ha il dovere di dare l’esempio. Da parte di AICA è stato assunto un impegno fermo in questa direzione escono state espresse parole di gratitudine per il lavoro portato avanti dal Cartello Sociale a sostegno di una sfida che punta a consolidare l’esperienza della gestione pubblica del servizio idrico integrato a vantaggio dell’utenza e a salvaguardia dei livelli occupazionali.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.