Agrigento, Comuni, Cronaca, Province

Il tempio di Ercole torna a tingersi di lilla per celebrare la giornata nazionale dei disturbi alimentari del 15 marzo. Altra importante iniziativa ASP a durante il mese.

Questo articolo è stato visto 115 volte.

Anche quest’anno, in occasione della giornata nazionale dei disturbi del comportamento alimentare, il tempio di Ercole, uno dei monumenti più rappresentativi della città di Agrigento, si illuminerà di lilla all’imbrunire di venerdì prossimo, 15 marzo. Le colonne doriche torneranno dunque a vestirsi delle tinte del colore che, tradizionalmente, richiama le problematiche connesse all’alimentazione sensibilizzando l’opinione pubblica. La giornata del Fiocchetto Lilla, nasce alcuni anni addietro su iniziativa di Stefano Tavilla, un padre che ha perso la sua amata Giulia, la figlia di soli diciassette anni, a causa della bulimia. Con l’iniziativa l’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento, grazie alla collaborazione del Comune di Agrigento e del Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, intende lanciare un messaggio inconfondibile e di ampia risonanza illuminando il cuore della via sacra.

L’evento del 15 marzo non è il solo ad esser stato organizzato per portare alla ribalta la problematica. Il Dipartimento di Salute Mentale ASP, diretto dal dottor Leonardo Giordano, per il tramite del Centro “Metabolé”, il servizio aziendale per il trattamento dei disturbi alimentari coordinato dalla direttrice del Servizio di Psicologia, dottoressa Angela Bruno, ha infatti programmato per il prossimo 19 marzo, in sinergia con alcune associazioni presenti sul territorio,  un seminario che interesserà le scuole agrigentine e che si svolgerà presso l’auditorium dell’IISS “Nicolò Gallo”. In quell’occasione verrà proiettato un film sul tema che sarà proposto agli studenti e a seguire si svolgerà un confronto con i docenti, i dirigenti scolastici e i docenti utile a sollecitare il mondo della scuola a porre attenzione sempre maggiore su una problematica che assume le connotazioni di una vera e propria epidemia sociale.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.