Agrigento, Aragona, Calcio, Comuni, Province, Sport

L’Aragona torna a fare punti. Dopo tre sconfitte arriva un buon pareggio 2-2 contro il Borgata.

Questo articolo è stato visto 882 volte.

06:30 – L’Aragona torna a fare punti. Dopo tre sconfitte arriva un buon pareggio 2-2 contro il Borgata. Zerbo risponde al doppio vantaggio di Omolade. Al termine del match la società aragonese ha annunciato l’ingaggio del tecnico bagherese Pino La Bianca.

Una Aragona dalle sete vite, in svantaggio di due reti, riesce a fermare sul pareggio una ottima Borgata Terrenove. Il match si sbloccava al 4’ grazie ad Omolade, che approfittava di una corta respinta di Barone su cross di De Marco e di testa appoggiava in rete. L’Aragona provava a reagire al 6’ Ciulla non inquadrava la porta su una respinta di Rustico. Al 22’ Casisa dalla bandierina colpiva la parte esterna dell’incrocio dei pali. Al 24’ Ciulla insisteva con un dribbling a centrocampo e perdeva palla, l’esperto Sorrentino serviva in profondità Omolade che con un tocco perfetto superva Barone in disperata uscita. Per l’Aragona sembrava finita, ma i biancazzurri nonostante la tanta sfortuna non si perdevano di animo. Al 25’ Ciulla tirava a lato. Al 36’ su cross di Montalbano, Anselmi anticipava di un soffio Gallo, spedendo in angolo. Al 43’ ci provava Ciulla, bella la parata di Rustico. Nella ripresa l’Aragona era ancora più determinata e l’ingresso in campo di Zerbo dava vivacità ad un attacco fin troppo spuntato. Al 60’ su corner di Casisa e successivo tiro di Di Domenico, Zerbo in mischia trovava lo spiraglio giusto per accorciare le distanze. Il Borgata era alle strette e al 62’ era ancora il piccolo attaccante palermitano ad andare in rete realizzando con un bel colpo di testa al primo palo, su angolo battuto da Casisa, la rete del 2-2. Al 65’ ancora una azione pericolosa dell’Aragona con un gran tiro di Casisa, che veniva respinto da un difensore ospite. Al 86’ Zerbo serviva in rovesciata Montalbano, il suo tiro terminava a lato. I marsalesi si facevano vivi al 88’ con Omolade, che non inquadrava lo specchio della porta e al 92’ con De Marco, il cui tiro veniva deviato in angolo da Barone. Finiva così 2-2 un risultato che veniva accettato di buon grado dalle due squadre che in fondo hanno giocato una gran bella partita. Al termine del match la dirigenza dell’Aragona dopo avere ringraziato il centrocampista  Matteo Casisa per la grossa mano di aiuto data alla squadra svolgendo anche il compito di allenatore, ha comunicato di avere ingaggiato il tecnico Pino La Bianca, che da martedì inizierà la sua avventura sulla panchina dell’Aragona. Per Pino La Bianca, dopo due stagioni di stop, sarà una buona occasione per tornare ad allenare e per dimostrare il suo grande valore. Il tecnico bagherese ha anche conseguito il patentino di allenatore di Seconda categoria, che gli consentirebbe di allenare nei campionati professionisti. << Crediamo di avere fatto una buona scelta – dice il ds aragonese Demetrio Galluzzo – conosco mister La Bianca quando era il mio allenatore nel Raffadali. Una persona seria e molto preparata, sono certo che con lui faremo molto bene. Colgo l’occasione per ringraziare a nome di tutta la dirigenza Matteo Casisa per la grossa mano di aiuto che ci ha dato in questo periodo prendendosi delle responsabilità superiori a quelle di calciatore. Casisa è il primo confermato >>.  

Aragona: Barone, Gaziano, Di Vincenzo, Patti, Priola, Di Domenico, Montalbano, Casisa (85’Sorce), Gallo (80’ Severino), Volpe (56’ Zerbo), Ciulla. All. Casisa.

Borgata Terrenove: Rustico, Barraco D. (87’ Galfano), Patti, Annatelli, Anselmi, De Vita, Genovese, De Marco, Scuderi (71’ Marrone), Sorrentino (66’ Barraco A.), Omolade. All. Chianetta.

Arbitro: Gangi di Enna.

Reti: 4’ e 24’ Omolade, 60’ e 62’ Zerbo.

di  Tonino Butera

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.