Caltanissetta, Cronaca, Province

L’uomo nero spaventa Mussomeli

Questo articolo è stato visto 2.306 volte.

E’ più di circa un mese che un individuo vestito con un mantello nero ed una maschera si aggira per l’intero paese di Mussomeli, causando panico tra la gente. I Mussomelesi hanno chiamato questo individuo “Uomo nero”, e sembrerebbe aggirarsi nelle ore notturne turbando il sonno dei residenti. L’individuo, approfittando del buio della notte, un individuo con abiti neri ed una maschera bianca, compare nei vari angoli della città terrorizzando chi torna tardi a casa. Una vera e propria psicosi ha finito per contagiare la città alimentata da video e da racconti da brivido, spesso amplificati.

L’ultima apparizione, lunedì sera nel quartiere di Sant’Enrico: l’uomo con addosso i suoi immancabili vestiti neri e una maschera bianca, è apparso a un’anziana signora che per lo spavento è stata colta da un malore tanto da dovere essere soccorsa da un’autoambulanza e portata al Pronto soccorso. Un clima da film horror che ha spinto nelle ultime notti molti giovani della cittadina a formare delle vere e proprie ronde. Una caccia all’uomo è stata organizzata la notte scorsa dopo che l’uomo nero mascherato è stato notato aggirarsi attorno allo stadio comunale. Anche i carabinieri hanno partecipato alla “caccia” il cui esito però non è stato positivo. L’uomo nero ha fatto perdere le proprie tracce, dileguandosi tra palazzine in costruzione e la campagna, complice anche l’oscurità. Secondo alcune testimonianze, nelle scorse ore i carabinieri hanno effettuato delle perquisizioni a casa di due giovani, un diciottenne ed un trentenne. Uno di questi è un seguace di Anonymous.

Di questo se ne è occupato, nel pomeriggio del 20 Settembre scorso, anche il programma nazionale “Pomeriggio 5” condotto da Barbara D’Urso, che tramite l’inviata Marta Rigoni, con un collegamento in diretta da Mussomeli, ha raccontato gli sviluppi delle indagini da parte dei Carabinieri ed ha intervistato anche il Sindaco di Mussomeli, Giuseppe Sebastiano Catania, essendo un reato penale, ha condannato la vicenda e gli esecutori di questo gesto.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.