Agrigento, Comuni, Politica

Matteo Mangiacavallo ufficializza la sua adesione a Fratelli d’Italia

Questo articolo è stato visto 170 volte.

Matteo Mangiacavallo, deputato regionale in carica all’ARS, aderisce al progetto politico di Fratelli d’Italia.

“Si tratta del completamento di un percorso in linea con le scelte politiche che ho fatto nel corso degli ultimi anni – spiega Matteo Mangiacavallo – durante la prima legislatura, col Centro Destra avevamo già condiviso, e per 5 anni, il ruolo di opposizione al governo Crocetta, poi con Musumeci presidente, sempre in Assemblea Regionale Siciliana, ci siamo trovati a collaborare nel portare avanti le stesse istanze per il territorio e infine, in occasione delle ultime amministrative a Sciacca, Fratelli d’Italia è stata tra i principali sostenitori della mia candidatura a sindaco”.

“Oggi l’aspirazione è ben più alta – continua Mangiacavallo – perché in dieci anni di attività parlamentare non ho ancora avuto la possibilità di far parte di un progetto di governo della nostra Regione. Oggi ci sono anche i numeri per poter pensare che ciò possa accadere. E questo voglio tradurlo in opportunità per il mio territorio. L’obiettivo è cogliere le migliori occasioni per completare il lavoro portato avanti con fatica, dall’opposizione, in questi dieci anni da deputato e tradurlo in cambiamento concreto per la mia provincia”.

“La mia – precisa Matteo Mangiacavallo – è una scelta consapevole e decisa, come tutte quelle che ho fatto nella mia vita. Porto con me un bagaglio di dieci anni di esperienza da parlamentare e i buoni rapporti instaurati con gli uffici regionali, che metto da subito a disposizione del gruppo e della collettività, che avrà sempre l’ultima parola sul mio futuro politico”.

“Ringrazio il coordinatore provinciale Lillo Pisano – conclude il deputato saccense – per il bel rapporto di stima e amicizia che ci lega e che dura da anni. Adesso occorre puntare finalmente ad obiettivi importanti per il nostro territorio, a partire dal risultato delle prossime elezioni regionali e dal prossimo governo siciliano”.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.