Agrigento, Comuni, Politica

Pullara: “Occorre che la regione Sicilia sostenga e promuova il riconoscimento della Fibromialgia quale patologia cronica e invalidante .”

Questo articolo è stato visto 84 volte.

Nota: Questo comunicato non è un articolo prodotto dalla Redazione di “TV SICILIA 24”, ma una nota stampa esterna di cui pubblichiamo integralmente.


“Occorre che la regione Sicilia sostenga e promuova il riconoscimento della Fibromialgia quale patologia cronica e invalidante .”Lo afferma l’Onorevole di “Prima L’Italia” e vice Presidente commissione sanità all’Ars Carmelo Pullara. “La Fibromialgia” – spiega Pullara“è una malattia muscolo-scheletrica progressiva e invalidante caratterizzata da dolore muscolare diffuso associato a rigidità alla quale si affiancano una vasta gamma di disturbi. La fibromialgia è ormai riconosciuta a livello internazionale e anche alcune regioni italiane hanno normato l’esenzione per patologia. Negli ultimi anni alcune Regioni, come Lombardia, Emilia Romagna, Puglia, Sardegna, hanno approvato delle leggi in materia, ma a livello nazionale resta la necessità di uniformare il sistema e assicurare omogeneità di trattamento a tutte le persone affette da questa patologia. E’ necessario che anche la regione Sicilia sostenga e promuova anche un percorso di informazione, educazione e divulgazione nei confronti dei cittadini e degli enti preposti, considerato che, a causa della mancata diagnosi e di condivisi protocolli diagnostici, troppo spesso i malati e i loro familiari sono costretti a un nomadismo diagnostico e terapeutico inaccettabile, devastante per chi soffre e di sicuro aggravio economico per i costi del Sistema Sanitario Regionale. Ritengo che sia assolutamente necessario”conclude Pullara“favorire l’accesso ai servizi e alle prestazioni erogate dal servizio sanitario regionale, adottare provvedimenti finalizzati all’esenzione per i malati residenti sul territorio regionale per particolari categorie di farmaci.”

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.