Reddito di inclusione stop ai requisiti familiari dal primo giugno possibile presentare domanda

Questo articolo è stato visto 480 volte.

A partire dal 1° giugno 2018 possono essere presentate, presso il Servizio Politiche Sociali sito in via Riggi – Ribera, le domande per il Reddito di Inclusione (ReI) con l’abrogazione dei requisiti relativi alla composizione del nucleo familiare – a renderlo noto è l’Assessore alle Politiche Sociali Francesco Montalbano.
La Legge di Bilancio 2018 ha inteso facilitare l’accesso al ReI abrogando tutti i requisiti familiari, tale beneficio economico potrà essere percepito sin dal mese di luglio 2018.
Basterà avere un ISEE non superiore ad € 6.000,00 e l’ISRE non superiore a 3.000,00 ed essere residente in Italia, in via continuativa, da almeno 2 anni al momento della presentazione della domanda. Sono stati abrogati tutti i requisiti familiari quali:
➢ presenza di un minorenne;
➢ presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o un suo tutore;
➢ presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l’unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica),
➢ presenza di una persona di età pari o superiore a 55 anni che si trovi in stato di disoccupazione occorrerà, pertanto, avere semplicemente quelli economici oltre a quelli di residenza e soggiorno.
Si precisa, altresì, che tutte le domande di ReI presentate nel corso del 2018 e fino al 31 maggio dello stesso anno, in possesso di DSU 2018, non accoglibili per la sola mancanza dei requisiti familiari saranno sottoposte a riesame di ufficio (dopo l’entrata in vigore della modifica normativa in oggetto), con verifica dei requisiti alla data del 1° giugno 2018.
“Ad oggi i beneficiari della carta ReI sono 135 e dal 1° luglio la platea si estenderà ulteriormente proprio grazie all’abrogazione dei requisiti familiari – afferma l’Assessore Montalbano – contiamo, per quanto possibile, di dare un aiuto alle famiglie che si trovano in difficoltà economiche”.

Replica con un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*