Agrigento, Comuni, Cronaca

Ricevuta dal Presidente della Repubblica l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato, Maria Rosa Volpe.

Questo articolo è stato visto 139 volte.

Nella mattinata di oggi 08 marzo 2019, in occasione della celebrazione della “Giornata Internazionale della Donna”  in programma presso il Palazzo del Quirinale, come già avvenuto lo scorso anno, era presente l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato Maria Rosa VOLPE, in servizio presso la Divisione Polizia Anticrimine – Ufficio Minori di questa Questura.  La presenza della rappresentante della Questura di Agrigento, su formale invito del Quirinale, ad un evento così significativo, costituisce motivo di orgoglio e prestigio per la Polizia di Stato della provincia,  rappresentando un riconoscimento al lavoro di tutti gli uomini e donne della Questura e dei Commissariati di P.S., impegnati quotidianamente nel contrasto ad ogni forma di criminalità, alla gestione del fenomeno migratorio e dell’ordine e della sicurezza pubblica. Nella circostanza, l’Ispettore Superiore VOLPE ha donato al Capo dello Stato, Sergio MATTARELLA, quale ricordo della Questura di Agrigento, un segno distintivo  realizzato dal maestro Domenico BOSCIA dell’Accademia delle Belle Arti “Michelangelo” di Agrigento, accompagnato da un biglietto personale del Questore Maurizio AURIEMMA. Il citato segno è stato realizzato dall’artista tenuto conto dei seguenti elementi fondamentali, a significare la radicalizzazione della Polizia di Stato sul territorio: la storia del territorio medesimo, evidenziata con la raffigurazione del granchio, emblema questo raffigurato nell’antica moneta “tetragramma” di Agrigento e del fiume Akragas, nonché dell’elemento decorativo della greca  inserita nel corpo centrale del granchio che riportano alla magnificenza della colonia greca.  Figura di straordinaria pregnanza culturale e religiosa nella storia della città, alle soglie del XV secolo, è il simbolo, peraltro affascinante della città di Agrigento, raffigurato con tre giganti che corrispondono alle mitiche figure di Ceo, Fama ed Encelado che sorreggono tre torri con il monogramma YHS in quella centrale e contraddistinto dal motto «Signat Agrigentum mirabilis aula gigantum»,  oggi custodito presso il locale museo civico.  Analogo omaggio è stato donato dal Questore  Maurizio AURIEMMA al Sig. Capo della Polizia di Stato – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco GABRIELLI in occasione della recente visita ad Agrigento nell’ambito dell’iniziativa “Polizia di Stato – La Memoria come valore”, il 28 febbraio scorso.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.