Canicattì, Comuni, Cultura & Spettacolo

Contrasto alla Povertà: a Canicattì, domani, prende il via il corso di Alfabetizzazione Informatica

Questo articolo è stato visto 39 volte.

 Si stanno svolgendo a pieno ritmo le attività del Programma Operativo Nazionale (PON) “Inclusione” per il contrasto alla povertà, realizzato nel Distretto Socio-Sanitario D3 con l’assistenza tecnica del Consorzio Sol.Co.

 Dopo l’avvio della piattaforma online del Distretto  www.distrettosociosanitariod3.it, che permette agli utenti di conoscere le opportunità e i servizi offerti, le modalità di presentazione delle domande nonché gli enti accreditati e gli uffici del territorio, un altro significativo tassello si aggiunge a un progetto che sostiene le famiglie più fragili, accompagnandole verso il raggiungimento dell’autonomia.

Da domani, martedì 18 giugno, nella sede Euroform di Canicattì, sita in Largo Aosta 11, oltre 20 beneficiari parteciperanno al Corso di alfabetizzazione informatica con l’obiettivo finale di riconoscere e saper individuare le potenzialità delle piattaforme online che permettono l’incontro tra domanda e offerta e creare sul web il proprio curriculum vitae.

Il Corso consta di 10 incontri: 20 ore di formazione tra lezioni teoriche e pratiche. Saranno affrontati diversi moduli: Dal computer al cellulare: Hardware, Software, I principali software, La suite Office: video scrittura, foglio di calcolo, presentazioni, internet: il browser, pagine, portali, app, e-mail, Pec, Google, Il cv e i portali di E-Recruitment (Linkedn, Monster, Info Jobs, Europass).

 

“A nome del Distretto Socio Sanitario D3, del quale ho l’onore di essere il presidente in quanto sindaco del Comune Capofila – dichiara il sindaco di Canicattì, avv. Ettore Di Ventura – esprimo grande soddisfazione per le attività che si stanno svolgendo all’interno del PON Inclusione. La sinergia e il fattivo rapporto di collaborazione tra i diversi soggetti che operano nel progetto sono fattori essenziali e determinanti per dare risposte concrete a quei cittadini che vivono in condizioni di disagio socio-economico”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.