Aragona, Comuni, Cultura & Spettacolo

Diverse Infiorate per il Corpus Domini ad Aragona

Questo articolo è stato visto 962 volte.

Dopo il grande successo della mostra “La Settimana Santa Aragonese: tra storia, fede e tradizioni”, in occasione della Settimana Santa Aragonese 2022, il gruppo “Picciotti di Raona Antica” hanno organizzato e realizzato una infiorata in occasione del Corpus Domini. A realizzarlo, dopo giorni di lavoro dietro le quinte sono stati: Carmelo Sciortino, Salvatore Di Giacomo, Alfonso Contrino, Vincenzo Baiardo, Gerlando Moscato, Mattia Sciabica, Salvatore Pantalena, Simone Pietro Costanza, Alfredo Chiarelli e l’instancabile Marco Chiarelli, Luigi Sciortino, Gero Pantalena, con la collaborazione di numerosi appassionati aragonesi, come: Lorena Morreale, in collaborazione con l'”Associazione Settimana Santa Aragonese”; Franco Rizzo e la moglie Carmelina Picone, Cinzia Seminerio con il marito Giuseppe Chiarelli, Giovanna Chiappara, Maria Sprio, la Famiglia Guzzo, Roberta ed Alfonso Principato e tanti altri, nonchè il vicinato ed i parrocchiani. L’infiorata è stata realizzata nel centralissimo centro storico di Aragona, in via Garibaldi, tra l’incrocio di Via Crispi/Mazzini e i quattro canti di Via Vittorio Emanuele, dagli organizzatori che, sin dal primo pomeriggio di ieri e  dalla prima mattinata di oggi, si sono cimentati minuziosamente a posizionare fiori, grano, alloro, sabbia, e tanto altro, sin quando a raffigurare, varie figure votive. L’infiorata è rimasta fino al passaggio del Corpus Domini. (Foto: TV SICILIA 24)

Anche un’altro gruppo aragonese,  ha organizzato un’altra infiorata, per le vie cittadine. L’opera è stata resa possibile grazie all’impegno di Rosario Farruggia, della madre Rosa Morreale ed alcuni collaboratori.  L’infiorata, realizzata in Via Alberto Mario, è stata visitata da molti devoti aragonesi.  Le due infiorate hanno, soprattutto, onorato il passaggio della partecipata processione del Corpo di Cristo che si è oggi ad Aragona, animata dall’arciprete Don Angelo Chillura e dai sacerdoti dell’Unità pastorale. (Foto: Pietro Scichilone)

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.